Consiglio campagna "norrena"

Salve, credo che già in molti mi conoscano, ma non ho mai scritto in questa sezione del forum.

Comunque sono qui per chiedere consiglio. Da anni e anni gioco di ruolo (D&D 3.5 e Pathfinder e ho un pochino di esperienza con Call of Cthulu) e per la prima volta avrò la possibilità di essere master in una mini-campagna incastonata in una più grande campagna multiverso del mio master attuale.

Domanda: giacchè desidero un'ambientazione storica/low fantasy alto medievale/vichinga (ma non solo) mi chiedevo che regolamento usare...D&D 3.5/Pathfinderizzato "homemade" tarato per dare enfasi ad esempio agli scudi, mettere limite alle armature, ridurre drasticamente la magia e simili...oppure pensavo di avventurarmi in Dark Ages per Call of Cthulu...unica mia preoccupazione è che sia forse un sistema molto punitivo che scoraggi il combattimento a favore dell'investigazione...ma il sistema di combattimento "D&D" lo ritengo troppo "permissivo" e "facilone" per l'ambientazione che vorrei...consigli?

@LlairKhev

Qui si potrebbe discutere a lungo e in largo sui metodi migliori, ma prima voglio farti una domanda...

Hai detto che la tua mini-campagna, sarà incastonata nella campagna del tuo Master, questo ti mette in una situazione comoda/scomoda cioè agire nei limiti di un'ambientazione già creata con dei suoi canoni.

La prima cosa che dovresti fare é capire lo stile di quest'ambiente dove inserirai la tua campagna. É una realtà Epica con PG Eroi? Allora meglio usare D&D o regolamenti che esaltano l'eroicità dei personaggi... é una realtà più cupa, dove si fa fatica a sopravvivere... allora opta per regolamenti alla sine-requie.

Ma soprattutto prima di introdurre qualsiasi modifica pesante, chiedi prima al tuo Master se gli sta bene che quella cosa entri a far parte della sua realtà.

Poi per parlare di tecnicismi é facile... anche se buttandosi sul norreno/low-fantasy ci vedrei bene regolamenti alla TLoTR, quindi L'unico Anello, Terza Era et simili.

questa mini compagna non ha vincoli di regolamento o ambientazione con il resto, essendo "multiplanare"; ho carta bianca.

i personaggi sono tendenzialmente guerrieri di professione/razziatori in un'ambientazione realistica, più storica che fantasy.

Per ora sono tentato da Dark Ages di CoC

Il party sarà da 5 persone

Se no vest c'è sempre fate, quello va bene per tutto.

Se la tua prima volta da Master ti consiglio di optare per un regolamento che conosci molto bene, ma molto bene. Quindi se Dark Ages lo conosci e ti senti sicuro vai usalo. Ma ricorda che se proponi hai tuoi giocatori un sistema che non hanno mai giocato, sarai il loro riferimento, quindi ti sarà richiesta più attenzione sopratutto perché dovrai spiegare il regolamento. Dipende molto anche da quanto sono esperti loro.

Un'idea potrebbe essere di chiedere direttamente a loro, gli spieghi a grandi linee i sistemi che non conoscono e gli chiedi se gli piacerebbe provare qualcosa di nuovo... anche se questo passo dovresti averlo già fatto.

3 minuti fa, TheDOC dice:
<div class="ipsQuote_contents">
	<p>
		Se no vest c'è sempre fate, quello va bene per tutto.
	</p>
</div>

Si Fate è un sistema che va bene per tutto, ma da quello che ho letto il suo problema è che ritiene D&D troppo sempliciotto... Fate è ancora più semplice... se davvero vuole realismo puro.. allora gli consiglierei Rolemaster o Girsa... ma sono gioconi pieni di tabelle e calcoli. Non certo da "prima volta".

23 ore fa, LlairKhev dice:
<div class="ipsQuote_contents">
	<p>
		Si Fate è un sistema che va bene per tutto, ma da quello che ho letto il suo problema è che ritiene D&amp;D troppo sempliciotto... Fate è ancora più semplice... se davvero vuole realismo puro.. allora gli consiglierei Rolemaster o Girsa... ma sono gioconi pieni di tabelle e calcoli. Non certo da "prima volta".
	</p>
</div>

Fate è più semplice e per quello più incline a edit. Creare skill manco è troppo difficile. IMHO è molto più semplice rendere realistico fate che la 3.5/PF, ma sono d'accordo che non è facile alla prima masterata fare nessuna delle due.