Corsa al pegno rivisitata

Come è stato puntualizzato nei commenti dell’altro topic, la corsa al pegno è facilmente abusabile per come l’avevo proposta all’inizio. Ho provato quindi a modificarla e riproporla come qualcosa di più approcciabile, ovvero una corsa dentro il tempio.
Il concetto base è quello di un dungeon, l’unica differenza è che il dungeon ha una sola entrata, tutti possono entrare contemporaneamente e il pvp è sempre abilitato.

La meccanica segue questa struttura:
Un tempio si trova in una data locazione, all’interno di un terreno claimato dallo staff. Finchè i giocatori saranno all’interno di questo claim, tutti i teletrasporti sono disabilitati.
Ad una data ora ogni tot giorni la porta del tempio si apre, permettendo l’accesso all’interno. gli spazi sono angusti e con numerose porte/barriere, rendendo così l’uso di elytra e perle più difficile(oppure si possono semplicemente disabilitare le perle). I giocatori dovranno dunque entrare nel tempio, percorrere il tempio, raccogliere il pegno e poi uscire.

Peculiarità: il percorso non deve essere difficile da completare, quindi NIENTE PARKOUR. Deve però mettere in difficoltà coloro che lo attraversano, mettendo quindi diversi ostacoli più o meno pericolosi/fastidiosi. Quelli a cui ho pensato sono pozze di acqua,lava, mob potenziati e lanciatori di frecce con debuff quali rallentamento, debolezza, veleno ecc.(queste frecce sono disabilitate quindi solo lo staff può permettersi di usarle).
I giocatori dovranno dunque percorrere tutto il tempio cercando di arrivare prima degli altri, ostacolando gli avversari o uccidendoli nel mentre. Una volta preso il pegno il giocatore portatore dovrà dunque ripercorrere tutto il tempio al contrario ed uscire.

Le porte del tempio restano aperte per un periodo di tempo limitato, ed una volta chiuse l’interno viene ricoperto di gas velenoso(che ormai lo staff credo abbia imparato ad usare) e tutti quelli all’interno vengono uccisi, questo per prevenire che qualcuno slogghi e rilogghi dopo per scappare con il pegno quando nessuno è intorno.

Osservazioni: l’uso dell’elytra non è vietato ma molto limitato. volare in spazi angusti è fattibile ma lascia aperti ad attacchi altrui in quanto manca un pezzo di armatura. Inoltre, nel caso fortuito in cui un giocatore dovesse riuscire ad arrivare al pegno prima degli altri, per uscire dovrebbe ripassare per il muro di persone che si è lasciato indietro. La cooperazione con un team è quindi molto importante.

2 Likes

Se le zone fossero sempre le stesse a rotazione fissa il posto sarebbe camperabile visto che chiuso :confused:
I templi dovrebbero essere molteplici e con apertura completamente casuale in modo da diminuire di molto il poter camperare il punto di interesse.
Fossi nello staff metterei che una volta morti non si può rientrare
nel tempio o stare nei di torni di esso per x tempo, in maniera tale che intere squadre non possano abusare il numero.

2 Likes

Invece il camperare il luogo è esattamente quello che speravo: il percorso in sé non è un parkour quindi è facile da completare,l’unico obbiettivo degli ostacoli è di rallentare quelli che entrano. Il maggior ostacolo nella corsa al pegno sono appunto i giocatori: più persone ci sono a menarsi, più è difficile entrare e uscire senza problemi.
All’apertura delle porte è normale avere diverse persone pronte a correre dentro, e che quindi si menano davanti all’ingresso non appena si vedono.
Per quanto riguarda l’abuso del vantaggio numerico, è un problema esistente ma non per forza limitante. Ipotizzando che la cittá A abbia 10 persone mentre le città B e C hanno 5 persone l’ una, nessuno proibisce a B e C di allearsi contro A.

Sono d’accordo invece sul non far rientrare chi muore. Stavo per dire che mettendo un range di blocchi entro cui non si può fondare, le persone abbiano da percorrere almeno 2000 blocchi a piedi prima di arrivare, e la cosa avrebbe limitato il ritorno delle persone. Mi sono dimenticato però che mo’ c’é l’elytra…

1 Like