Eragon-The Campagna

Quel giorno era uno come gli altri per i nostri eroi: il paladino Murk era in cerca di nemici da sconfiggere, il ladro Khayrus come sempre era in cerca di borse da tagliare, la chierica Alderiel era in cerca di risposte pregando al santuario mentre Daratris la spadaccina vagava per le strade osservando l'infinita carovana dei mercanti arrivati per la festa dell'ultimo raccolto.

Daret era in fermento, tutti erano frementi in attesa di quella sera e dei festeggiamenti; tutti tranne Murk poiché lui sapeva che non avrebbe potuto concedersi un attimo di pace: c'era sempre qualche truffatore imbucato pronto a svuotare le tasche della povera gente.

La festa iniziò con il calare delle tenebre, vennero accesi fuochi da campo su tutta la strada principale e nella piazza; la gente beveva, ballava, cantava, suonava o veniva derubata dai mercanti avidi di moneta sonante, ma quella sera i mercanti non erano gli unici avidi poiché Khayrus era in attesa del primo ubriaco pronto ad essere borseggiato ed infatti non ci volle molto prima che entrasse in azione: un ubriacone stava ballando in centro alla piazza! Il ladro si avvicinò, lo urtò e con tutta la non chalance del mondo passò sotto gli occhi dell'ignaro Murk che faceva la ronda, quella era la sera fortunata di Kahyrus dato che quell'ubriacone aveva un bottino pari al suo guadagno in 3 mesi!

Nonostante la sua distrazione probabilmente dovuta al sonno, Murk riuscì comunque a sventare molte truffe e rapine quella sera, ma non poté nulla contro la truffa più colossale di quella festa: un banchetto di birra, non birra normale ma bensì birra con aggiunta di erbe speciali che migliorano il gusto...e gli incassi in quanto una volta bevuta la prima birra gratis non si poteva fare a mendo di comprare la seconda che costava un occhio della testa.

Daratris difatti accettò a suo malgrado una favolosa birra, che venne seguita subito da un altra che però venne sorseggiata lontano dal banco e lontano dal 3^ boccale.

Murk quella stessa sera riuscì a far colpo su una bellissima ragazza di Daret, ma nonostante le avance della ragazza il senso del dovere di Murk ebbe il sopravvento facendogli proseguire la ronda.

Quando finì la festa e tutti si misero a dormire, chi in locanda, chi vicino ai fuochi e chi sui tetti come il nostro Khayrus; scese una calma su tutto il paese, talmente era tranquilla quella sera che svegliò il ladro sul tetto e la chierica che dormiva amabilmente vicino ad un fuoco, si accorsero che tutto era silenzioso, dalla taverna agli animali notturno; non uno scassinatore vagava per le strade, non un borseggiatore o un mendicante, tutti dormivano.

Strane figure si aggiravano nell'ombra senza produrre un rumore: Urgali, notò il ladro. Creature alte più di due metri con braccia grosse come tronchi e corna da ariete sulle teste, vagavano nella piazza sgozzando nel sonno la povera gente.

Quando si accorsero di loro era già troppo tardi, avevano acceso le torce e stavano appiccando incendi sulle case; la gente si mise a correre dall'orda verso i boschi mentre le guardie cercavano di dar tempo alla popolazione incorrendo però in morte certa.

Murk cercava di incitare la povera gente a combattere, senza però ottenere risultati efficienti

Daratris recuperò rapidamente le sue cose e si mise a correre verso i boschi, venne accoltellata al collo da una delle creature che però credendola morta passò al bersaglio successivo: Murk.

Khayrus si nascose tra delle macerie in un vicolo, nel quale arrivò anche Alderiel seguita a ruota da un Urgali.

Il combattimento fu feroce, ci furono vittime più fra gli uomini che fra gli Urgali; colpi di lancia, coltello, spade e falcetti bastarono a far sopravvivere i nostri protagonisti, scapparono verso Teirm con poca gente sopravvissuta sulle migliaia di persone rimaste vittime nell'incursione.

Tutti erano feriti quando arrivarono alla città: Khayrus era affamato e aveva perso la sua arma nello scontro, Murk e Daratris erano stanchi e spossati in quanto avevano cercato di aiutare i superstiti a superare la Grande Dorsale, Alderiell però aveva un pessimo presentimento su Khayrus: lo aveva osservato durante il viaggio ed aveva comportamenti sospetti, come se fosse un ladro.

Si separarono, chi andò a cercare provviste e un pasto caldo, chi cercò una nuova spada e chi invece sorvegliò il Khayrus; sorvegliarlo si dimostrò una scelta saggia in quanto non appena arrivato nella piazza cittadina cercò di borseggiare il primo malcapitato, venne scoperto e costretto alla fuga scappò verso il porto, credendosi al sicuro si mise a fare compere pedinato a ruota da Alderìel.

Daratris si fermò a riposare in una locanda mentre Murk vagava nel mercato in cerca di qualche pezzo di carne secca o formaggio per rifornire le sue scorte da viaggio, si fermò in una erboristeria.

Era buia all'interno, buia tranne che per 2 occhi gialli che spuntavano da sopra uno scaffale: un gatto grande quanto un mastino se ne stava appollaiato sopra l'ingresso seguendo con lo sguardo il paladino; non era un posto malvagio ma soltanto molto inquietante riuscì a constatare.

In fondo al negozio trovò un bancone, suonò la campanella per chiamare il proprietario e solo in quel momento si accorse della piccola donna che seduta sulla sedia in un angolo buio stava sferruzzando con una mano, mentre con l'altra sfogliava un libro su rane e rospi; disse di chiamarsi Angela e tra tante frasi confusionarie riuscì a vendere un po di erbe a Murk, gli disse che era simpatico al suo gatto da guardia di nome Solembum, e gli chiese anche se per caso durante i suoi vagabondaggi non avesse visto un enorme pipistrello nero alto nei cieli.

A risposta negativa del paladino Angela lo congedò con un quesito: "I rospi sono rane, o le rane sono rospi. Se la prima affermazione fosse corretta le streghe non potrebbero esistere poichè non potrebbero trasformare nessuno in rospo, in quanto i rospi sarebbero rane!"

Questo è un resoconto di sessione, lo sposto nella locanda.

Una volta uscito dal negozio, Murk si diresse in piazza in cerca di qualcosa da fare, li trovò una scena molto particolare: una folla enorme era radunata intorno ad una locanda nella quale stando alle voci era appena stata accoltellata a sangue una ragazza.

Quella ragazza era proprio Alderiel che aveva seguito Khayrus fin nelle sue stanze e dopo una sanguinosa lotta il ladro era riuscito ad accoltellarla al fianco portandola in fin di vita.

Durante la giornata i nostri eroi se la passarono alla ben e meglio, Murk cercando il misterioso assassino, Daratris dormendo in una locanda, Khayrus nascondendosi nelle banchine del porto e Alderiel da un medico cercando di restare in vita.