[Evento GDR] La Sindrome da Intossicazione di Lavanda

Premessa

Scritto con il consenso di @mattiello18, ci serviva un personaggio universitario per avviare il medio-gioco dello sviluppo gdrristico di Fusdùr. Tutti sapete cosa è successo ieri, e ci dispiace aver tenuto all’oscuro i più. Chiunque abbia organizzato un evento gdr di tal portata in un server minecraft sa bene a cosa va incontro.

Fusdùr è una parola denai non traducibile. Fus significa pazzia ed è presente il classificativo verbale altissimo dùr. La traduzione la riterrei ambigua, in certi contesti può essere tradotta con Estasi mistica, Visione/Profezia (questo un po’ forzatamente), in altri Schizofrenia, Delirio psicotico.
Ogni singolo avvenimento, ogni singolo scritto sul forum, ogni singolo comportamento mantenuto sul server è stato costruito ad arte per arrivare a questo punto.
L’origine del nostro nome nasconde il nostro fine e il nostro obiettivo è stato quello di creare un progetto gdrristico degno di questo nome e di ere passate :stuck_out_tongue_winking_eye:
Abbiamo pianificato un evento gdr calcolando realisticamente ciò che sarebbe potuto accadere, azzeccandoci pienamente. Il culmine è stato il secondo massacro mentre metà degli invitati saltavano nella nostra stanza dei giochi poco prima del crash, quello sì inaspettato, ma utile ai fini di un black-out collettivo.

Dai primi scritti gdr è presente un indizio, una causa e una conseguenza della nostra pazzia: il tabagismo di lavanda. Marinai arrivati da altre ere con altre abitudini, corrosi da vizi non più conosciuti nel piano, iniziano a fumare questa pianta sconosciuta e sviluppano ciò che renderà Fusdùr così unica: la pazzia collettiva.

Diplomaticamente rimarremo estremamente neutrali, ma come spiegherò in un altro post ci saranno notevoli sviluppi gdrristici incoerenti e visionari.
Approfitto per chiedere ora scusa a tutti i delegati non informati di questo progetto, ma dovete riconoscere che ci siamo comportati magistralmente e tutti secondo copione; avremo modo di farci perdonare specialmente da @N0civo che ci ha fornito un siparietto fondamentale per rendere evidente il nostro stato alienato e pazzoide. Almeno con questa serata siete stati tutti protagonisti del nostro gdr e del nostro sviluppo narrativo, e non è forse questo lo scopo di un buon gdr?

Missiva urgente da parte del professore Gustav Mazkovich, docente di sociologia presso l’Università delle Oltreterre Occidentali

Oggetto: possibile identificazione di nuova malattia in seguito a casi di isteria collettiva nella Serenissima Repubblica Prosperista di Fùsdur

Fusdùr, la Diplomatica.
La Prospera. La Serenissima. La Perla delle Oltreterre. La Città della Lavanda.
La Grande Fioritura urbana dell’80 e.C. aveva popolato il piano di nuove città e nazioni; Fusdùr, tra esse, si guadagnò presto un posto come città neutrale e mediatrice di conflitti.
L’Inaugurazione del Palazzo Consolare doveva essere l’evento che più di tutti sarebbe servito a consolidare questa reputazione. Tutte le nazioni del piano, rappresentate da delegazioni costituite dai loro più importanti cittadini, avrebbero atteso all’evento.

La Storia avrebbe raccontato come invece quell’Inaugurazione fu macchiata dal sangue degli ospiti e da episodi alquanto inaspettati e strani compiuti da quelli che alcuni reputavano il miglior esempio di diplomatici e intermediari che l’arte politica avesse mai prodotto.

I miei Colleghi universitari si chiederanno ora come mai mi metto a disquisire su eventi storici rinomati e studiati da tutt’altri ambiti accademici.
Queste analisi storiche mi aiuteranno a far chiarezza su un’importante rivelazione sociologica che mi appresto a darvi. Una teoria che ritengo fondata e che cambierà per sempre la storia della città di Fusdùr.
Nello sviluppo di questa teoria i miei studi di sociologia medica sicuramente mi sono venuti in aiuto, ma non posso che essere riconoscente ai numerosi colleghi medici che mi hanno aiutato a far luce su numerosi aspetti più tecnici della situazione che ho anzitempo analizzato.
Penso addirittura che i Colleghi medici e psichiatri, specialmente quando si trovino ad analizzare casistiche di gruppo se non addirittura “cittadini” o “nazionali”, possano essere aiutati dall’apporto storico e sociologico per elaborare una più corretta diagnosi.
Sarà sicuramente saltato all’occhio attento di molti buoni medici la costante presenza di un elemento disturbante e xenogeno in qualsiasi cronaca della comunità fusdùriana.
Premesso che i disturbi causati da 600 anni di Stasi non sono ancora stati analizzati dovutamente dalla nostra scienza, la ricerca che ho compiuto utilizzando volontari della città e copiose fonti storiche, qui in allegato, dimostra a mio modesto parere l’insorgere di una patologia collettiva, un’isteria di massa, all’interno dei confini della Serenissima Repubblica Prosperista.
Prima di passare al referto medico, voglio dirvi di più riguardo questo agente patogeno, e voglio rendere evidenti a Voi Onorabili Colleghi i sintomi di quella che definirei senza mezzi termini “una crisi psicotica di massa”.

Ciò che colpì molti osservatori alla Serata di Inaugurazione del Palazzo Consolare fu il repentino cambiamento di stato d’animo tra gli invitati ammessi all’interno e quelli rimasti fuori.
Vari testimoni riportano conviviali che mangiavano e bevevano al tavolo mentre urla strazianti provenivano dal di fuori. Guardie fusdùriane immobili davanti al portone d’ingresso che non si scomposero mentre l’armatura cerimoniale veniva macchiata da schizzi di sangue di persone all’esterno.
Alcuni passi ricordati da ospiti ammessi all’interno, confusi e storditi al loro ritorno a casa, narrano di ripetuti bagni nella vasca di oro fuso che dominava la Sala delle Cerimonie e canti dell’Inno Fusdùriano mentre le finestre venivano sfondate dai banditi e dai guerrieri nemici, e ospiti disarmati e compiacenti con i loro futuri carnefici.
Addirittura, la testimonianza più importante a mio parere, da troppi considerata un delirio di un invitato sotto shock per il trauma subito, riporta dettagliatamente la fuga danzante degli invitati guidati dai consoli fusdùriani durante l’ultimo atto della Cena, quando gli assassini si trovavano ormai nel palazzo; fuga terminata in un “corridoio nero che portava a una magnifica e lucente stanza sotteranea, con un pavimento di morbidi cuscini e pareti di colori mai viste” (cito le parole del testimone) dove feriti, delegati sporchi di sangue, guardie di scorta e intellighenzia fusdùriana terminarono la serata “tra balli spericolati, salti e acrobazie sui cuscini, annebbiati da quel persistente fumo viola”.

Allegato II.b

Nonostante io abbia già fornito un importante indizio a voi colleghi professori, voglio esaminare il mio personale referto prima di giungere alle conclusioni.
Il referto è diviso in due parti, sintomatologia degli abitanti di Fusdùr e sintomatologia degli ospiti entrati nel palazzo.

Per quanto riguarda gli abitanti di Fusdùr si può notare chiaramente:
-Insensibilità e apatia verso l’esterno
-Risate incontrollate e/o isteriche
-Apparente stato schizofrenico e allucinogeno
-Inappropriata gioia e felicità diffusa
-Dipendenza cronica dai fumi di lavanda

Per quanto riguarda gli ospiti si possono notare due sintomatologie distinte, le prime emerse appena entrati nel Palazzo, le seconde quando furono riportati sani e salvi a casa.
Entrati nel palazzo i sintomi erano i seguenti:
-Alienazione
-Confusione
-Piacere derivato dai fumi
-Leggere risate isteriche
Al rientro nelle rispettive città i sintomi registrato erano:
-Amnesia
-Alcuni casi di disturbo post-traumatico
-Leggere crisi di astinenza

Sia i fusdùriani che gli ospiti ritornavano completamente alla normalità in seguito all’evento.

Nonostante ulteriori ricerche siano necessarie per comprovare le mie ipotesi, le mie conclusioni sono di seguito esposte:

Il gruppo originario dei fondatori di Fusdùr, la cui salute risultava indebolita da 600 anni circa di Stasi Supernica, ritrovatosi nel nostro piano e dipendente dal fumo di tabacco (come numerose cronache storiche fusdùriane riportano), al termine delle scorte ha sostituito il tabacco skemàsiano con i fiori secchi di Lavanda, fiore ricco e diffuso nel territorio cittadino.
La dipendenza dal fumo e il tabagismo cronico, pratiche cadute in disuso nel tempo ma vivissime nella mente di questi marinai, li ha sollecitati in una maniera inaspettata rendendoli estremamente vulnerabili, dipendenti e con effetti maggiorati rispetto un normale abitante del Piano.
Il loro sistema immunitario, non evoluto a 600 anni di malattie e pestilenza, reagisce in maniera estremamente più violenta e dipendente al fumo della lavanda, tossico di per sè.
Il fumo di lavanda, fortemente allucinogeno e psicotrico, non porta a stati di salute cagionevoli o mortali ma agisce direttamente ed esclusivamente sulla mente degli individui dipendenti.
Il fumo di lavanda passivo, costante e copioso, sembra avere gli stessi effetti del fumo attivo; per questo motivo si può osservare come abitanti non originari di Skemàs risultino anch’essi dipendenti (anche se in misura leggermente minore) e affetti da conseguenze all’esposizione dei fumi, certamente amplificati dal fatto che i fusdùriani hanno la pratica culturale di offrire in dono sigarette e sigari di lavanda fresca agli ospiti in visita.
L’intera comunità di Fusdùr mi sembra attualmente in uno stato di dipendenza cronica dal fumo di lavanda, sollecitata continuamente e quotidianamente a episodi psicotici e allucinogeni.
L’abitudine a fumare la lavanda più fresca/umida possibile accentua questo stato, così come fumare la lavanda opportunamente seccata non fa notare alcun cambiamento nell’individuo.
La reputazione di Fusdùr potrà anche rimanere intatta, in quanto ogniqualvolta un suo rappresentante si recherà al di fuori della città, con una scorta di lavanda secca per il viaggio, il suo comportamento sarà dettato dalla calma e la moderazione, caratteristiche che fino ad oggi hanno contraddistinto Fusdùr; tuttavia è altresì molto probabile che queste crisi collettive, evidenti per la prima volta durante la cena di gala, siano destinate ad aumentare in vigore e intensità fino a condannare gli abitanti della città a uno stato di alienazione e allucinazione perpetua.
Mi batterò personalmente per scongiurare questa ipotesi, nonostante penso sia ormai inevitabile questo futuro per la Serenissima.

Invito piuttosto tutti i colleghi del piano a bruciare le scorte di lavanda se eventualmente presenti nella propria città e a continuare le ricerche in questa direzione.

Gustav Mazkovich

Allegato IX.d

Emblematico caso di rabbia e isteria individuale ignorato purtroppo nei giorni scorsi; in seguito a un raptus di rabbia un cittadino fusdùriano uccise il cavallo personale del fondatore @rospi. Numerosi cartelli inneggianti al cavallo e a una sua “costante presenza” e “vita ultraterrena” sono comparsi nella città tra l’indifferenza generale.

8 Likes

Messaggio dell’Ur Maggiore di Sheen Shanukhan
Alla Serenissima Repubblica di Fusdur

Le parole della Vostra missiva ci lasciano decisamente preoccupati e amareggiati. La Serata di Inaugurazione tenutasi nel Palazzo di Fusdur doveva essere una celebrazione di vita e pace, invece si è trasformata in un volgare inno alla lussuria, alla violenza immotivata e alla tensione.
Ogni tipo di Precetto dell’EDI è stato infranto a causa della Vostra tossica condotta morale e negligenza, che hanno pure portato ad un attacco alla nostra delegazione e ad una minaccia per la mia stessa vita.
Non intendiamo condannare nessuno per l’attacco, Draft ci insegna a non temere la morte della carne, per questo le ferite riportate non ci preoccupano ma la spirale di follia in cui la Vostra città ormai è inevitabilmente caduta rischia di portare l’intero piano al KI, la Perenne Perdizione della Morte Eterea.

Per questo motivo mi duole comunicare che, in assenza di garanzie, la nostra comunità sarà costretta a ridurre al minimo ogni tipo di contatto con la Repubblica di Fusdur, fino alla scoperta di una cura per il malessere mentale che affligge i Vostri cittadini. Cura alla quale i nostri speziali stanno già lavorando, con la speranza di sanare questa terribile ferita che ostacola la salita nella Scala Quantica, che auspichiamo per tutti gli abitanti di Alinox.

Nel frattempo Vi invitiamo a trovare sollievo nella lettura dei Libri dell’Eterea Spiegazione che abbiamo donato alla Vostra comunità. Ci auguriamo che le Sacre Parole del Grande Draft possano essere più efficaci di qualsiasi farmaco.

UR Maggiore
Ahhe Al Strad

image

5 Likes