Evento GDR - Nuove Frontiere

NUOVE FRONTIERE

REQUISITI

Requisito: Un GDR che descrive e narra la propria compagnia eremitica

Spes quel giorno era gremita. Popoli da ogni nazione si erano
radunati alla vecchia locanda, in gruppetti chiusi, ascoltando nella
calca i loro capi.
“Noi andremo a Nord, là dove ci sono i ghiacci!”
“Golfo di Miju, serviranno carpentieri…”
“Deserto, potremmo trovare qualche rovina spesiana laggiù!”
La locandiera faceva i salti mortali per servire tutti quei tavoli,
alcuni ordinavano più volte la stessa brodaglia riscaldata che
chiamavano birra. Alcuni più ricchi potevano permettersi dei
liquori, dai colori variegati e che, nell’ambiente piccolo, venivano più volte
rovesciati dalla cameriera. In poche ore si riempirono numerosi forzieri di monetine d’oro.
Forse allertata da tutto quel trambusto, o forse non avendo mai visto
visi così nuovi a Spes, la guardia cittadina entrò nel locale. Un
delegato dal sindaco reggeva un plico di fogli.
“D-Desiderate qual-qualcosa, signori?” esclamò titubante la
locandiera.
“Dobbiamo sapere chi sono, per conto del sindaco, i vostri cari
clienti.”
“V-vi danno fastidio?”
No, abbiamo solo bisogno di capire chi sono.”
Si fece portare un tavolo e all’uscita impose un piccolo posto di
blocco.
Una guardia urlò.
Tutti gli eremiti si zittirono.
“Per ordine del Sindaco di Spes, dovete registrarvi con il vostro
nome e mansione, con la vostra compagnia, con i vostri intenti,
presso il tavolo che trovate qui!” continuò a urlare.
Lentamente gli eremiti iniziarono a formare una lunga coda presso il
delegato, dividendosi in compagnia di ogni forma e etnia. Alcuni
vennero scortati fuori dalle guardie, troppo ubriachi anche solo per
ricordarsi il loro nome.
“Prego, compilate il seguente modulo. Per chi non sapesse scrivere,
lasci fare al proprio capo. Firma a destra.”

TEMPLATE

• Simbolo
• Nome della Compagnia
• Partecipanti, in ordine di importanza
• Etnie e Provenienza dei partecipanti
• Scopo o missione
• GDR

ESEMPIO

reggenza

Nome della Compagnia: Squadra Speciale d’Attacco Fujiwara
Partecipanti, in ordine di importanza: Kilgore Van Fuji e compagnia
cantante
Etnie e Provenienza dei partecipanti: Haleyandi, Deserto
Scopo o missione: Fondare la Reggenza di Fuji

Un gruppo di haleyandi si fermò al tavolo, il loro capo si fece
avanti. Un individuo alto sul metro e settanta, con connotati tipici
di quel popolo e uno sguardo deciso, accennava un sorrisetto. Si
sedette allo sgabello, con un gomito sul tavolo.
“Lei, lei non sa chi siamo noi! Siamo coloro che domineranno questo
piano. Siamo la Squadra Speciale d’Attacco Fujiwara! Vede i nostri
migliori guerrieri sono ora o in bagno o fuori a vomitare, ma sono
fenomenali. Io? Io sono Kilgore Van Fuji, sono riuscito a radunare le
menti più geniali e astute del Piano e ad armarle! Abbiamo spade,
asce e un Superno dalla nostra parte, solo che ora sono in un altro
luogo, sì pure il Superno. Ma abbiamo tutto.
Proveniamo dalle lande desolate e desertiche, siamo stati cresciuti
nella polvere e temprati dalle tempeste di sabbia. Sappiamo solo
combattere e il sangue è la nostra bevanda preferita. Come? Cosa
vogliamo fare? Ovviamente fondare la Reggenza di Fuji e dominare il
Piano
! Quanti siamo? Beh, Coso è al bagno, quei tre sono fuori a
vomitare, quei sei dietro di me però sono i più perfidi cervelli
con spade del deserto! Ora però mi lasci passare… per piacere…
devo vomitare.”

PREMIO

Piccone di Netherite, soprannominato “Il Cercatore” (Mending Efficienza V Fortuna III), e 5k zenar

SCADENZA

3 Ottobre 2021.

I template e GDR vanno sotto questo post, l’off GDR evento va sotto spoiler. Grazie

1 Like

Può partecipare anche chi intende fondare una città? Tecnicamente siamo tutti eremiti al momento

Ovviamente, è indirizzata a tutti, essendo tutti eremiti all’inizio del Server

1 Like

Ottimo, comunque io ci butterei anche un unbreaking3 sul pick

1 Like

Chiedo alla regia

1 Like

Si. Va bene.

Per partecipare dobbiamo rispondere a questo post con il Template oppure creare un post nella sessione GDR?
Sarebbe utile creare una sottosessione EVENTI nel forum così da tenere tutto in ordine…

2 Likes

I template e GDR vanno sotto questo post, l’off evento va sotto spoiler

In che periodo è ambientato questo evento rispetto all’apertura?

Leggo di Sindaco di Spes, guardie e attività: Quindi Spes è già stata ricostruita? È ancora un cantiere a cielo aperto?

Al momento l’evento è sospeso per problematiche derivanti dai problemi tecnici in corso.
Se e quando il problema verrà risolto l’evento verrà eventualmente modificato.

2 Likes

Abbiamo nuove info sulla programmazione dell’evento?
Io sono pronto a postare ma se poi ci saranno delle modifiche su scadenza, modalità e richieste mi piacerebbe fare tutto insieme piuttosto che costringervi a riguardare un post modificato…

2 Likes

Al momento no perché essendo Spes non disponibile e dovendo fare delle modifiche sia sulla mappa, sia sulla lore, il tutto è al momento sospeso.

1 Like

Ci sono novità?

MOTIVAZIONE MODIFICA del POST:
Considerato il fatto che abbiamo pubblicato il GDR di Fondaione ed il supplemento per la giustificazione della città sotterranea, mi vedo obbligato a postare questo GDR che doveva essere il prequel agli altri due sopracitati. Spero di fare cosa gradita. In alternativa modificherò il post successivamente.

Simbolo:
95d77919955bcc7277bac1dc9c9bf8cf

Nome della Compagnia: Compagnia dei Veterani
Partecipanti:
CUSTODE: Iago Flavius Iulius Ankòlosa
MCSEED: Seedkar Jaask Makùvalnut
LUCY: Nailucyn Biranmun
POFRO: Aii Poluig-Shan Ohivalnut
SARGONDG: Viktor Albrecht Von Aegear
UR: Escanur
BEERHARDT: Adam Vàpor
ALEX_137: Axeandar Aelexi
EMILY: Yelis Anvia Lheerùnd
MARKUS: Kiros Lumdalvenès
DIEGO: Jo Zamputor
RUNDAS: Daemos “Irido” Sìpor
Etnie e Provenienza dei partecipanti: Haleyandi/Jaakans - Spes
Scopo o missione: Ricerca della città nascosta e fondare la Repubblica di Anchalost

GDR:
All’alba il silenzio inizia a scemare.
All’alba i suoni si risvegliano più accesi e vibranti come i colori del cielo.
All’alba la Compagnia dei Veterani è ancora in piedi.

  • “Sta ancora disegnando quell’idiota?” - Seduto su una sedia con le braccia incrociate e le gambe distese su un lungo tavolo, Viktor Albrecht Von Aegearruppe il silenzio durato solo 10 minuti. Oramai era spazientito dal prolungarsi di quella riunione. La sala, a parte loro 9, era vuota. Solo dalla stanza attigua veniva il rumore di qualche lento, stanco passo che poteva appartenere presumibilmente al proprietario della Locanda.
  • “Lascialo stare, ne ha passate tante in questo ultimo anno!” - Iago Flavius Iulius Ankòlosa lo riprese a bassa voce, in parte svogliato ma con lo sguardo comprensivo di chi è abituato a mettere pace tra i suoi uomini. Lui era stato scelto al comando, lui era stato designato come la colonna portante della Compagnia.
  • “Lo so! Ma deve decidersi. Non possiamo attendere oltre…” - Cercò di controbattere Viktor prima di venir interrotto da un altro dei presenti.
  • “Perché no?” - Ahii Poluig-Shan Ohivalnut alzò la testa dal tavolo contemplando per un breve istante il boccale vuoto innanzi a se. - “Non c’è tutta questa fretta, il tempo per ora non è molto buono per iniziare a scavare e la nostra ricerca non è nemmeno partita ufficialmente.”
  • “Sono solo leggende Ahii! Non abbiamo grandi informazioni a proposito e non possiamo comunque partire per un semplice sentito dire…” - Continuò Iago - “Spero che Kiros abbia scoperto qualcosa…”
  • “Non lo facevo uno studioso. Pensavo che fosse solo un semplice politico e che lui…" - Indicando il distratto disegnatore. -"…fosse quello abituato a sfogliare libri!” - Escanur prese la parola. Mezzo disteso sul tavolo, stava contemplando le travi del soffitto, assonnato, dopo la lunga nottata passata in bianco.
  • “Io credo che abbia un suo perché. D’altronde è pur sempre un esperto di leggi e storia. Magari ce ne fossero di più, a quest’ora potevamo già trovare il nostro tesoro!” - Adam Vàpor si mosse per la prima volta dopo ore. Seduto su una piccola poltrona vicino al focolare acceso, con una coperta rossa indosso, mantenne gli occhi chiusi mentre il suo amico di mille avventure continuava a russare sulla poltrona vicina. Axeandar Aelexi sembrava aver abbandonato ogni desiderio di partecipare alla riunione. - “Sveglia!” - Gli intimò Adamdandogli un leggero calcio negli stinchi.
  • “Ah!” - Axeandar si raddrizzò sulla poltrona portando la mano al piccolo pugnale che teneva alla cintura. - “…marrano non avrai il mio tesoro!” - Sbraitò spruzzando bava innanzi a se.
  • “Ma che schifo!” - Esordirono in coro due giovani donne. A poca distanza Nailucyn Biranmun e Yelis Anvia Lheerùnd si spostarono evitando per un soffio di essere inondate dalla saliva del bello addormentato. Le uniche due donne presenti della compagnia sembravano fresche come rose alla prima rugiada del mattino, anche dopo quella nottata di consiglio.
    Iago si mise a ridere così come gli altri.
  • “Eh? Cosa c’è?” - Distratto, fu solo in quel momento che Seedkar Jaask Makùvalnut alzò la testa per osservare gli altri. La penna stretta tra le dita della destra scivolò per un attimo sul foglio tracciando una linea sul disegno di una montagna immaginaria. - “Oh merda!” - Sbraitò sconsolato cercando nella sua testa un modo per trasformare quella inattesa linea in qualcosa di sensato.
    Nailucyn riprese la parola guardando l’amico con un leggero sorriso. - “Finalmente! Invece di disegnare e progettare parla con noi ogni tanto. Non puoi stare sempre in disparte, specialmente adesso!” - Commentò con una leggera enfasi d’eleganza nella voce.
    Sconsolato come al solito, vittima di un periodo di sconforto, Seedkar chiuse il libro e posò la penna. - “Scusate!” - Annunciò sospirando. - “Mi sembra di aver tralasciato troppe cose in questo periodo e cerco di rimediare in qualche modo, nel mio piccolo…”
  • “Vedi di farlo partecipando alla riunione allora!” - Esordì Axeandarsbadigliando.
  • “Da che pulpito viene la predica?” - Chiese Yelis elargendo uno dei suoi bei sorrisi. - “Ti sei appena svegliato eruttando saliva!” - Concluse incrociando le braccia mentre il suo viso si trasformava in un cipiglio di rimprovero.
    Presagendo una sfuriata e con non poca soggezione nei confronti della compagna di avventure Axeandar si affrettò a mettere le mani avanti. - “Si si… scusate io… ero…”
  • “Dobbiamo comunque aspettare Kiros, Jo e Daemos. La riunione non può proseguire oltre senza di loro!” - Aggiunse Iago interrompendo la ricerca di una valida scusa da parte di Axeandar.
  • “Spero non si siano addormentati negli archivi o in qualche bettola!” - Continuò Ahii appoggiando il mento sulle mani incrociate prima di volgere lo sguardo, come gli altri astanti, sulla porta cigolante della stanza.
    Falso allarme. L’oste fece la sua comparsa sullo stipite reggendo un grande vassoio di legno. Gli occhi assonnati, la barba incolta, lunga e chiazzata di grigio su base nera. Solito il vestiario composto da una camicia non più bianca ma beige, un paio di pantaloni marroni e da un grembiule verde scuro con macchie marroni qua e là.
  • “Vi ho sentito parlare. Ho portato qualcosa per la colazione!” - Mormorò avanzando di qualche passo verso il tavolo, dove depositò il vassoio contenente un bel piatto di panini dolci appena sfornati, una brocca di latte caldo ed una di spremuta d’arancia, qualche taglio di salume e una specie di crema di formaggio con ravanelli e ciuffi di erba cipollina. Poi si affrettò a pulire un poco il tavolo mentre alle sue spalle, un giovane ancora più assonnato di lui, portava svogliatamente un secondo vassoio con piatti, posate e brocche di legno. - “Se volete mando il giovane Karner a cercare i vostri amici!” - propose l’oste riponendo il panno appena usato sulla spalla destra.
  • “Forse sarebbe utile…” - Iniziò Iago.
  • “Tempo al tempo!” - Kiros Lumdalvenès fece la sua comparsa sulla porta seguito dai due compagni ricercatori.
  • “Tempo giusto direi!” - Gli fece eco Jo mentre Daemos “Irido” Sìpor già si stava fiondando sui panini come un lupo affamato. - “Tempo di colazione!” - Disse affondando il panino nella salsa di formaggio e verdure prima di addentarla con gusto.
  • “Ma che maniere!” - Yelis si avvicinò al vassoio delle posate prese un piatto e lo fece scivolare verso Daemos. - “Usalo insieme alle posate!” - Gli intimò. - “E te… alzati!” - Disse dando un colpetto con il dorso della mano destra su Escanur ancora mezzo disteso sul tavolo.
    L’uomo sbuffò, guardò per un attimo Yelis di traverso, poi si alzò. - “Tantovale sedersi al tavolo e mangiare qualcosa…”
    “Allora Kiros ci sono novità? Hai scoperto qualcosa d’interessante?” - Chiese Ahii anticipando la domanda di Iago mentre allungava la mano verso il vassoio dei panini.
    “Le leggende sono vere. E’ tutto vero!” - Esordì Kiros sollecitando l’attenzione di tutti; oste compreso. L’uomo volse la testa verso i suoi ospiti, poi prendendo per un braccio il giovane aiutante si affrettò ad uscire dalla stanza. - “Abbiamo trovato informaziioni contrastanti in diversi tomi e diari, ma tutti concordano che esistano delle rovine sotterranee da qualche parte sotto le montagne.”
    “Finalmente una buona notizia!”
    “Finalmente possiamo partire ad esplorare Axeandar!” - Gli fece eco Adamgirandosi sulla poltrona. Axeandar si alzò dalla sua posizione raggiungendo il tavolo per versarsi un poco di latte nel boccale. - “Avanti…racconta!”
    Kiros si mise a sedere; conscio del fatto di avere su di se gli occhi di tutti. - “Signori. Abbiamo una mappa! Non è definita, non ci sono coordinate…”
    “…ne punti di riferimento!” - Aggiunse Jo un poco sconsolato.
    “E’ vero…” - Riprese Kiros. - “…ma abbiamo indizi. A grandi linee possiamo arrivarci studiando il territorio e sfruttando le nostre conoscenze ed intelligenza. Seedkar… dai un occhiata!” - Disse stendendo una mappa sul tavolo mentre il disegnatore interpellato si avvicinava.
    “Dimmi che non l’hai rubata!” - Chiese Iago con un leggero cipiglio accusatorio.
    “No…” - Sputacchiando briciole di pane Daemos indicò la sacca da cui Kirosaveva preso il foglio. - “L’abbiamo copiata, come tutti gli altri indizi. Altrimenti non avremmo potuto uscire dalla biblioteca.”
    “Interessante!” - Seedkar, avvicinatosi all’amico iniziò ad analizzare la mappa. - “Ci sono comunque dei punti di riferimento. Montagne dai picchi aguzzi, pianura, fiume e costa. Gli insediamenti raramente nascono in posti desolati senza fonti di sostentamento. Anche quelli nascosti.”
    “Il tesoro è la cosa più importante!” - Viktor riprese a parlare. Innanzi a lui Axeandar già muoveva la testa in segno affermativo. - “Ci farebbe comodo un po’ di denaro… siamo a secco.”
    “No! Non lo siamo.” - Iago volse lo sguardo verso Nailucyn che prese la parola.
    “Abbiamo abbastanza per partire in esplorazione per tre settimane. I viveri possiamo recuperarli per strada, ma siamo comunque a posto con la gran parte delle vettovaglie e sono sicura che le fonti di cibo non mancheranno. Armi e attrezzi sono pronti, e grazie a Ahii e Jo potremmo ricostruirne di nuovi senza problemi. Avremo da parte ancora qualcosa per poter iniziare poi gli scavi e le ricerche in sito. Poi dipenderà interamente da noi!”
    “Comunque ci sono altre cose interessanti su questi fogli.” - Seedkar ne prese alcuni osservandone i dettagliati bordi e le miniature delle prime lettere. Sebbene non fossero gli originali, Kiros ed il suo gruppo avevano fatto un ottimo lavoro di copiatura. - “Qui ci sono dei simboli, indicazioni supplementari. Un serpente, forse un drago! Si, un drago. Qui si arrampica su una montagna ai cui piedi c’è un lago. E su questo foglio c’è una porta, qui saloni e decorazioni di uomini barbuti. Credo che siamo sulla pista giusta!”
    “Bene…” - Ahii si alzò in piedi levando il boccale pieno di latte. “…che cosa stiamo aspettando? All’avventura!” - Urlò guardando uno per uno i suoi compagni che rimasero in un leggero silenzio imbarazzato.
    Iago tornò a sorridere. Si avvicinò al tavolo, prese un boccale e lo riempì a sua volta di latte. - “All’avventura!” - Concluse facendo urlare gli altri, strizzando l’occhio a Ahii e tracannando l’intero contenuto del boccale.
    La compagnia era pronta…

PS: Ci sono problemi di formattazione (i puntini che non so da dove provengano) e purtroppo non so come si mettano le cose sotto spoiler.

3 Likes