[GDR Internazionale] La crisi dei cartelli niuoppiani

Alejandro camminava nervosamente nella sala. Il suo incedere fu interrotto da un messaggero.

"Signori Ambasciatori, ancora niente..."




"Come sarebbe a dire che ancora gli inviati di Niuop non sono ancora arrivati? Li stiamo aspettando da 2 giorni!" 




"Signori Ambasciatore non so che dirvi...non abbiamo notizie da parte loro..."




"Dovevano essere già qui..."


Alejandro sbuffò, passandosi una mano sul volto spigoloso e maledicendo Gola sottovoce.


"Questa mancanza di rispetto è intollerabile...gli do altri due giorni, se non si presentano agiremo di conseguenza." 




"Serve altro, Signori Ambasciatori?"




"Si, aspetta..." scrisse un messaggio su un foglio, la presenza di soli numeri era segno di un messaggio cifrato. "Questa deve arrivare a Thortuga."

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		34 39 20 36 65 20 37 36 20 36 39 20 36 66 20 32 30 20 36 31 20 36 64 20 36 32 20 36 31 20 37 33 20 36 33 20 36 39 20 36 31 20 37 34 20 36 66 20 37 32 20 36 35 20 32 30 20 36 31 20 37 61 20 36 39 20 36 35 20 36 65 20 36 34 20 36 31 20 32 30 20 34 65 20 36 39 20 37 35 20 36 66 20 37 30 20 32 30 20 36 33 20 36 66 20 36 65 20 36 36 20 36 35 20 37 32 20 36 64 20 36 31 20 37 34 20 36 66 20 32 65 20 32 30 20 34 37 20 36 63 20 36 66 20 37 32 20 36 39 20 36 31 20 32 30 20 36 31 20 36 63 20 32 30 20 36 64 20 36 66 20 36 34 20 36 35 20 37 32 20 36 65 20 36 39 20 37 33 20 36 64 20 36 66 20 32 65
	</p>
</div>

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		 
	</p>

	<p>
		GDR OFF:


		Questa discussione è il proseguimento del seguente topic: 
	</p>
	<iframe data-embedcontent="" frameborder="0" src="<___base_url___>/topic/16730-gdr-vandalismo-a-niuop/?do=embed"></iframe>

	<p>
	</p>

	</p>
</div>

non mi sono occupato della faccenda fin dall'inizio, non conosco nemmeno le condizioni di questo incontro...ma posso dirvi che alcuni Padri Fondatori sono molto impegnati in real

Richard Steel arrivò davanti all'ingresso tutto trafelato. Il fermacravatta era tutto storto e l'orologio da taschino era uscito dal panciotto per finire, come un filo a piombo, lungo la gamba destra del Padre Fondatore.

Si sistemò i capelli, rimise a posto l'orologio e il fermacravatta. Era bianchissimo in volto e non era difficile per chi lo stesse guardando capire che in quelle settimane di assenza non aveva passato dei bei momenti.

Strinse la maniglia con tutte le sue forze, la girò ed entrò nella sala guardando fisso davanti a sé. Era solo.

Vide subito il Segretario modernista, l'U.P.S. gliene aveva fornito uan descrizione dettagliatissima e non poteva sbagliarsi. Gli fece un cenno col capo di sedersi al suo tavolo, dopo ordinò un caffè Fridom, invitando il suo omologo a ordinare anch'egli per iniziare nel miglior modo le trattative.

Alejandro si sedette, ordinando un bicchiere di Rum Crumino.

“Lasciatemelo dire, avete proprio una pessima cera… per questo andrò subito al sodo.”

Il cameriere tornò con le ordinazioni, e sorridendo posò sul tavolo le due bevande.

Il Segretario bevve un sorso di Rum, poi riprese a parlare

"Non so se siete stato informato degli ultimi sviluppi sulla questione dei cartelli propagandistici, perciò vi farò un breve riassunto:

un nostro cittadino, di passaggio nelle ore immediatamente successive all'atto vandalico svoltosi in città ed ignaro degli avvenimenti, è stato brutalmente assassinato da un vostro cittadino, tale<span> </span><span style="color:#8f8f8f;">Morris Tankson, </span>dopo essersi identificato con uno dei saluti tipici dei Modernisti e dopo aver espressamente detto di essere li solo di passaggio. Consci della vostra politica interna che lascia estrema libertà ai singoli abbiamo inoltrato all'azienda TanKaji una richiesta di spiegazioni e risarcimento per l'accaduto, dato che i resti ci sono stati consegnati in una cassa della suddetta ditta e avvolta della vostra bandiera cittadina. Di rimando l'azienda si è preclusa una buona fetta del mercato internazionale bloccando la vendita delle proprie merci ai tesserati al Partito."</em>




Alejandro bevve un altro piccolo sorso, portando il suo bicchiere ad essere mezzo vuoto.

"Alcuni giorni dopo non un vostro comune cittadino, ma uno dei vostri Padri Fondatori, ha aggredito ed ucciso nella città di Lethial una decina di uomini di una nostra spedizione di natura culturale, partita alla volta della città in rovina per raccogliere e preservare le opere culturali che altrimenti sarebbero andate perdute per l’abbandono. Gli uomini della spedizione erano tutti disarmati e non costituivano un pericolo mentre, come riporta l’unico superstite della spedizione, mentre il vostro Padre Fondatore ha attaccato con l’intento di uccidere. Tra i morti si annovera Aramanzio Brodèsko y Skemisàl, vecchio uomo di cultura, nonché caro amico del vostro Padre fondatore Carrera con cui ha fondato la Società Etno-Antropologica Modernista, e personaggio benvoluto in città.

Anche qui, alla nostra richiesta di spiegazioni e risarcimento ci è stato dato picche adducendo motivazioni quali la necessità di difendersi in territorio pericoloso, quando la cosa più pericolosa di quella spedizione erano i pennelli che usano per pulire dalla polvere i reperti.


Per questi continui rifiuti il Presidente della Repubblica Modernista si è visto costretto ad aprire le ostilità con la vostra città fino a quando non verrà effettuato il risarcimento.</span>"</em>




Un terzo sorso.

"Ma noi, che non siamo i tipi che prima sparano e poi fanno domande, abbiamo svolto delle indagini. Abbiamo arrestato alcuni dei facinorosi che hanno preso parte all'atto di vandalismo, e conosciamo l'identità degli alti partecipanti, e le nostre forze di Polizia li stanno braccando. I responsabili fanno parte di un piccolo gruppo fuoriuscito da una frangia estremista della corrente Nazional-Modernisa. Per la loro disorganizzazione abbiamo motivo di credere che non abbiano agito da soli, ma che qualcuno dall'interno della vostra città li abbiano aiutati. Per questo confido che voi abbiate già avviato indagini interne per individuare i responsabili situati dalla vostra parte del muro.

Prima che lo chiediate: i nostri prigionieri verranno processati secondo le nostre leggi e nel nostro territorio.


Si tratta di un nostro dovere garantire che i loro diritti ad un regolare processo vengano rispettati, e, visti gli avvenimenti, non possiamo essere sicuri che questo avvenga sotto la vostra giurisdizione.




Ora la situazione sta andando ulteriormente a complicarsi a causa del morbo che sta mietendo vittime in tutto il piano.




Spero che voi, armati di buonsenso, facciate la vostra parte.




Esattamente come Noi abbiamo fatto la nostra."</em>




Alejandro bevve l'ultimo sorso di Rum, poggiando il bicchiere vuoto sul tavolo e aspettando la risposta della sua controparte.

La ringrazio per la sua comprensione, vedrò di essere il più breve possibile. Preferirei non prendere posizioni ufficiali per quanto riguarda l'incidente con Aramanzio Brodèsko y Skemisàl, come ha giustamente sottolineato la situazione è parecchio controversa e non riesco a pensare a un tribunale adeguato a giudicare il "crimine" di Torterra, se tale mai si dimostrerà essere. Ragioni personali si intrecciano a tensioni politiche e credo che l'unico titolato a prendere eventualmente le sue difese possa essere unicamente Torterra. Vi prego pertanto di non considerare l'incidente come un atto riconducibile alla città, cosa che invece è possibile fare per gli altri casi.

Tenne per qualche minuto la tazza di caffé bollente tra le mani, tremava visibilmente, con le tipiche convulsioni causate da una febbre molto alta.

Per quanto riguarda la questione dei cartelli, sono davvero felice che voi abbiate deciso di indagare e che abbiate prontamente acciuffato i responsabili. Da parte nostra le indagini stanno venendo condotte con estrema serietà dal nostro Ufficio di Sicurezza, l'U.P.S. che sta compilando un dossier che a breve sarà sulla mia scrivania. Non appena ne saprò di più non esiterò a contattarla con una missiva.

Iniziò a sorseggiare quel caffè, asciugandosi le labbra ogni volta che riponeva la tazza con il fazzoletto scarlatto che riportava negli angoli le sue iniziali ricamate in oro "R.S.".

Ne consegue, naturalmente, che l'unico argomento da discutere a livello "internazionale" sia l'uccisione del vostro cittadino da parte di Tankson. Attualmente non sono in grado di disporre delle evidenze necessarie per indire un vero e proprio processo per una serie di motivi: innanzitutto la nostra città era in stato d'allerta dopo la questione dei cartelli che, come abbiamo finalmente appurato, non era stata ordinata da Thortuga; la cosa non ha fatto altro che diffondere la tensione tra i miei che si sono visti obbligati ad aprire il fuoco su quello che, a ragione, poteva essere ritenuto membro effettivo dell'operazione propagandistica dei terroristi.

Per quanto triste, Segretario, riconoscerà anche lei che, da parte nostra, il vostro cittadino era nel posto sbagliato al momento sbagliato, ovvero subito dopo un attacco mediatico causato (seppur involontariamente) da vostri cittadini infedeli.

Capirete benissimo che, stando così le cose, io non posso in alcun modo punire un mio cittadino con l'unica colpa di aver difeso la sua proprietà e la città dopo un attacco propagandistico di matrice terroristica...

Il silenzio della sala fu improvvisamente interrotto dallo spalancarsi della porta alle loro spalle. Steel non si girò, gli bastarono il rumore di pochi passi per capire che si trattava di uno dei suoi agenti. Questi senza mostrarsi in volto allungò una busta gialla sopra la spalla del Padre Fondatore che la prese.

Mi conceda solo un momento. Disse al Segretario modernista continuando a fissare il plico.

Lo aprì, il livore sul suo volto era palpabile.

Chiuse il pacco e lo mise sotto il gomito.

Gentile segretario, io ero venuto qui per trattare, ma il fatto che voi abbiate preso accordi con un'altra città per imporci un ulteriore embargo, oltre a quello che già ci avete indetto in risposta all'interdizione dei vostri cittadini, di certo non aiuterà la nostra discussione.

Finì la tazza di caffè con un solo sorso, le gote gli erano rimaste ancora leggermente rosse, tremava ancora, ma ora le convulsioni febbrili si mescolavano in maniera inquietante con il tremore provocato dalla forte irritazione.

Alejandro riprese a parlare.

“Calmatevi. Non abbiamo siglato nessun accordo in merito. Il Presidente ha ritenuto opportuno diramare un comunicato a tutte le altre nazioni del piano, per informarle della nostra presa di posizione e delle nostre condizioni. Evidentemente ad alcune città queste sono sembrate abbastanza ragionevoli, motivandole a dichiarare un’ulteriore embargo nei vostri confronti.”

Il Segretario fissò con i suoi occhi color ghiaccio Steel.

"Ma tornando a noi…

Per la questione Tankson possiamo fornirvi noi le prove, possiamo farvi avere la copia della missiva in cui ci viene espressamente detto che l'uccisione è stata fatta per sfruttare l'attimo  a scopo pubblicitario, se lo gradite. Probabilmente vi diranno che il cittadino era "armato e pericoloso", ma così non è, poiché armato di una semplice lama in ferro, con la quale non avrebbe potuto nuocere a nulla se non ai Bakreantu più deboli incontati durante il viaggio. Per lo stesso motivo aveva indosso una semplice protezione in ferro. Il suo equipaggiamento, per nulla militare e semplicemente utilizzato per difendersi dai Bakreantu durante il viaggio verso la vostra città, non avrebbe potuto nuocere ai vostri cittadini, ben più armati di Pulcianòv.




Per quanto riguarda il crimine di Torterra...Vi chiedo di prendere una posizione ufficiale. Anche qui possiamo fornirvi per prova la testimonianza dell'unico sopravvissuto al massacro. Possiamo fare in modo che sia la comunità internazionale a decidere. Dopotutto il crimine, perché di un crimine si tratta, è stato compiuto su un territorio formalmente appartenuto alla Repubblica Federale di Eberia.


Anche se, da come avete detto prima, la comunità internazionale si sta già schierando.




Se invece non volete riconoscere il l'azione criminale di un vostro cittadino e Padre Fondatore, beh...direi che trattative possono considerarsi concluse qui."</em>

Alejandro fece una breve pausa, poi riprese.

"Voi non siete stupido, sapete che, una volta partita, non si può fermare una frana. Ma si può agire in modo tale che questa non si stacchi, anche se sembra ormai destinata a scivolare a valle.

La situazione ha ancora ampio margine di risoluzione."</em>

Sfortunatamente la mia posizione, benché di Padre Fondatore, non mi consente di prendere posizioni ufficali sulla questione Tankson. Mi è stato annunciato, comunque, che la società è disposta a risarcire una cospicua somma per la dipartita prematura del vostro cittadino. Tuttavia non potete negare che noi, da parte nostra, avevamo tutto il diritto di difendere il nostro territorio.

Facciamo così: questa tensione non giova a nessuno. Archiviamo il caso come uno spiacevole equivoco, accettate il nostro denaro in segno di buona volontà e passiamoci sopra.

Richard si sbottonò il colletto: la febbre e il calore del caffè si stavano facendo sentire. Proseguì:

Per quanto riguarda quello che è successo a Lethial io non posso assolutamente esprimermi per una serie di motivi: innanzitutto Torterra è un mio pari e lui non deve dare conto a nessuno del suo operato. Inoltre è da sottolineare come l'azione di Torterra a Lethial sia da considerarsi come strettamente personale; tant'é che la città ne era totalmente all'oscuro...

Proruppe nuovamente il messo con un nuovo messaggio per il Padre Fondatore.

Steel si interruppe ed estrasse dalla busta un nuovo pezzo di carta, quasi quadrato e, dopo aver letto il messaggio di corredo lo mostrò al suo interlocutore.

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		<img alt="ndra0ur.jpg" src="https://i.imgur.com/ndra0ur.jpg" /></p>
</div>

L'U.P.S. mi ha appena mandato questo, sembra che i vostri sospetti fossero fondati, avevamo anche noi un terrorista! A questo punto mi chiedo quanto Torterra possa essere collegato con l'operato di Hell. Avete informazioni a riguardo?

Ricordate però, che state pur sempre parlando di un Padre Fondatore di Niuop.

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		Vi dispiace se uno di questi giorni comincio a fare una pagina riguardo a questa crisi? Che succeda qualcosa di più o meno concreto, questo evento rappresenta un fatto senz'altro interessante che merita di essere messo in wiki. Cercherò di essere il più imparziale possibile, lo assicuro.
	</p>
</div>

"Bene...

Per la questione della Tankson direi che la cosa mi sembra ragionevole. Accetteremo il risarcimento con le scuse del caso annesse."</em>

Alejandro fece una piccola pausa.

"Per quanto riguarda la faccenda del Padre fondatore possiamo fornirvi le testimonianze dell’unico superstite e vi garantiremo che indagheremo sulla sua eventuale correlazione con eventuali associazioni terroristiche, ma non è questo il punto del discorso ora.

Rimuoveremo le ostilità con la vostra città, e solleveremo l'embargo.

Chiederemo conto direttamente al vostro Cittadino Torterra, riservandoci il diritto di dichiarare le ostilità esclusivamente nei suoi confronti qualora si rifiutasse.

Vi invitiamo infine a prendere una posizione seria e definita sulla faccenda...sapete, una classe dirigente al di sopra della legge non mi sembra un ottimo indice della libertà che tanto vantate.




Questa è la nostra ultima offerta."</em>

11 ore fa, Pulcio dice:
<div class="ipsQuote_contents">
	<div class="ipsSpoiler" data-ipsspoiler="">
		<div class="ipsSpoiler_header">
			<a href="#" rel=""> </a> <span>Nascondi Contenuto</span>
		</div>

		<div class="ipsSpoiler_contents">
			<p>
				Vi dispiace se uno di questi giorni comincio a fare una pagina riguardo a questa crisi? Che succeda qualcosa di più o meno concreto, questo evento rappresenta un fatto senz'altro interessante che merita di essere messo in wiki. Cercherò di essere il più imparziale possibile, lo assicuro.
			</p>
		</div>
	</div>

	<p>
		 
	</p>
</div>
Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		Da parte mia sono d'accordissimo!
	</p>
</div>

Segretario, apprezzo davvero molto la vostra disponibilità a scendere a un accordo che possa accomodare entrambe le nazioni. Il trattato che ci accingiamo a stringere è senza dubbio dignitoso per entrambe le parti ma, soprattutto, aiuta a ribadire ulteriormente che ogni diatriba può essere risolta attraverso la via del dialogo e della comprensione reciproca.

Non esiterò pertanto ad accettare l'accordo, invitandovi a fare un comunicato congiunto nel quale, da parte nostra, la città prenderà le distanze dal gesto compiuto da Torterra non in quanto privato cittadino, ma come Padre Fondatore (e quindi rappresentante della nazione) mentre voi, da parte vostra, condannerete l'operato, lo statuo e l'ideologia mistificante del neonato gruppo terroristico autoproclamatosi "Connalib".

Un brivido febbrile lo percorse per tutta la schiena.

Signor segretario, mi sembra decisamente ragionevole, per entrambi.

"Bene, appena tornerò in patria porterò all'attenzione dell'assemblea la condotta del Connilab.

Direi che possiamo concludere qui le trattative."</em>




I due si strinsero la mano, come segno dell'accordo appena raggiunto.

“Ah, per Thor Bannatore, visitate un Medico…”

2 minuti fa, Fr3nky94 dice:
<div class="ipsQuote_contents ipsClearfix">
	<p>
		<em>"Bene, appena tornerò in patria porterò all'attenzione dell'assemblea la condotta del Connilab.


		Direi che possiamo concludere qui le trattative."</em>




		I due si strinsero la mano, come segno dell'accordo appena raggiunto.

“Ah, per Thor Bannatore, visitate un Medico…”


Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		Accertato caso di Chikungunya a Niuop
	</p>
</div>

Steel tossì girando il viso lontano dal suo interlocutore.

Non si preoccupi della mia salute, se Uhle vorrà mi conserverà anche dalla malattia. Non esiterò a scriverle non appena avremo trovato un accordo. Le auguro un buon viaggio di ritorno, porti i miei omaggi al resto del governo e al suo rispettabile Presidente.