[GDR] Le Aquile Dorate

Un annuncio sul Deili Op aveva invitato l’intera cittadinanza ad assistere a una dichiarazione del Padre Fondatore Magnus Torterra, il 13° di Vannu 3002, poco dopo il tramonto, nella piazza in fronte al municipio, affittata per l’occasione. Geert van Bending, come tutti i ministri, i membri delle Camere e i maggiori imprenditori, era stato invitato formalmente e gli era stato assegnato un posto d’onore, che consisteva soltanto in una scomoda sedia in prima fila. Era presente anche qualche giornalista straniero.

Il palco si ergeva sulla piazza come una piccola piramide, illuminato da riflettori, ed era circondato da un centinaio di uomini armati nelle più svariate maniere: giacche in pelle e revolver, fucili a rotaia, spade e archi: ma ciò che colpì Geert fu la presenza di un gruppo di fanatici di Uhle, coperti da grottesche maschere rosse pentagonali, una spessa armatura e armati con di lunghe picche. Poliziotti dell’UPS circondavano a loro volta la piazza, visibilmente innervositi da quel piccolo esercito.

Una cannonata interruppe il brusio della folla, e i riflettori si concentrarono sulla punta della piccola piramide.

Magnus Torterra era in alta uniforme militare, accompagnato dal fratello minore di Geert, Erasmus, un pastore fondamentalista che era la pecora nera di una famiglia di letterati e diplomatici.

Fu lui il primo a parlare, per introdurre il Padre Fondatore.

“Signori e signore, cittadini e fratelli, siete stati qui riuniti da Magnus Torterra, il Baciato da Uhle, l’Assunto e Risorto, Padre Fondatore di Niuop e Spada della Libertà, per assistere a un annuncio rivolto a tutta Karaldur. Viva Niuop, Viva la Libertà, Viva Uhle!”

Erasmus si spostò, lasciando spazio al Padre Fondatore.

8 minuti fa, Bendersnake dice:
<div class="ipsQuote_contents ipsClearfix">
	<p>
		Magnus Torterra, il Baciato da Uhle, l’Assunto e Risorto, Padre Fondatore di Niuop e Spada della Libertà,
	</p>
</div>
Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		<img alt="this-is-jon-snow.gif" class="ipsImage" src="https://i0.wp.com/media.agonybooth.com/wp-content/uploads/2017/07/30230358/this-is-jon-snow.gif"></p>
</div>

Accolto da un lungo applauso Torterra iniziò a parlare:

"Uomini liberi di Niuop, la riunione delle camere non ha dato i risultati che speravo. Non posso negare di essere rimasto deluso, così come lo sono stati molti di voi. La minaccia del modernismo incombe su Niuop, mettendo in pericolo la Libertà che tanto ci sta a cuore.

Eppure i Padri Fondatori non condannano il modernismo, e Niuop non si schiererà contro il partito. Ma io mi chiedo, dov'era Niuop quando i modernisti spargevano la loro vile propaganda nella nostra città? Dov'era Niuop quando Morris Tankson venne costretto a privarsi del frutto del suo lavoro dopo aver esercitato uno dei suoi diritti fondamentali, quello sulla proprietà? Dov'era Niuop quando i terroristi del connalib diffondevano il panico nella nostra città con la loro presenza?

Ma non dobbiamo avere paura, se Niuop ha deciso di non schierarsi allora così sia! Ho fondato questa città con il solo scopo di portare Libertà agli oppressi, e difenderò questo ideale fino alla fine!"

Due enormi stendardi vennero innalzati, su di essi un'effige che in pochi avrebbero riconosciuto:

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		<img alt="bnmueCM.png" class="ipsImage" src="https://i.imgur.com/bnmueCM.png" /></p>
</div>

</p>

"Ai modernisti che hanno richiesto la mia estradizione dico: Venite a prendermi!

Se Niuop non è in grado di difendersi da sola non posso fare altro che intervenire personalmente. L'uomo libero non dovrà più temere, a difendere Niuop ci penseranno le Aquile Dorate!"

Il piccolo esercito di uomini armati che circondava il palco scattò sull'attenti, i fischi e boati di disapprovazione dei poliziotti dell'U.P.S. vennero coperti dagli applausi scroscianti del pubblico.

"Con la benedizione di Uhle difenderemo questa città e ciò che rappresenta fino all'ultima pietra! Viva Niuop, Viva la Libertà!"

Finito il discorso, mentre Torterra ed Erasmus si ritiravano accompagnati dalla scorta delle Aquile Dorate e gli applausi del pubblico, dal palco venne giù un fiume di zenar che inondò la folla gettando la piazza nel caos. Ci sarebbe stato tanto lavoro da fare.

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<blockquote class="ipsQuote" data-ipsquote="" data-ipsquote-contentapp="forums" data-ipsquote-contentclass="forums_Topic" data-ipsquote-contentcommentid="236598" data-ipsquote-contentid="17292" data-ipsquote-contenttype="forums" data-ipsquote-timestamp="1506690553" data-ipsquote-userid="138" data-ipsquote-username="torterra82">
		<div class="ipsQuote_citation">
			23 minuti fa, torterra82 dice:
		</div>

		<div class="ipsQuote_contents">
			<p>
				i fischi e boati di disapprovazione dei poliziotti dell'U.P.S. vennero coperti dagli applausi scroscianti del pubblico.
			</p>
		</div>
	</blockquote>

	<div class="ipsEmbeddedVideo">
		<div>
			<iframe allowfullscreen="true" frameborder="0" height="270" src="https://www.youtube.com/embed/O8rODMVBgJc?start=30&amp;feature=oembed" width="480"></iframe>
		</div>
	</div>

	<p>
		 
	</p>
</div>

È un insulto sentire usare il nome di mio padre da un criminale così assetato di potere, mio padre ha pagato con la vita i propri errori e non permetterò che nessuno strumentalizzi il suo nome per arrivare ai suoi loschi fini.

I modernisti sono l'ultimo dei nostri problemi in questo momento, le notizie delle stragi in terre straniere da parte del regno di Apolisia ci fanno capire chi sia una possibile reale minaccia alla nostra libertà, a quel punto nessun fiume di zenar potrà placare la paura nei nostri cittadini.

Noah Tankson