GDR Taric the One

Nato da un rapporto occasionale tra Viktor Makarovu Sipan Ter e una delle sue damigelle provenienti da Nigerinox (un piccolo paesino a sud di Alinox), Wiliam Taric the One sin da bambino ebbe una vita difficile. Passava le sue giornate tra piccoli furtarelli, scazzottate e risse varie. Il giorno del suo sedicesimo compleanno una ragazza giovane lo fermò e gli chiese:

“Scusi ragazzo, per caso saprebbe dirmi la strada più veloce per raggiungere Dalmasca? Sa, mi hanno detto che la vive uno degli uomini più belli e affascinanti di sempre ed ecco io, io, io vorrei conoscerlo!”

Wiliam ci pensò su un attimo (dopo anni passati tra alcool e droghe i suoi pensieri non erano più lucidi come un tempo) e dopo aver esclamato un “SEMPER IMPERAT” rispose:

“E da me che voi, io te posso cantà na canzone”

“Veramente io volevo saper”

Non fece in tempo a finire la frase che Wiliam allontanandosi iniziò a cantare

"Ma tu che ne sai dei sogni? Ma tu che ne sai dei sogni? Io quelli non li vendo*

Sei del vento del nord, Ma non sei di noi… Sei sotto un cielo sbagliato

Fa vedè la donna che è maltrattata dall’uomo, no?

Fa vedè la donna che è maltrattata dall’uomo

Sei sotto un cielo sbagliato

Amore, so Giulia, m’hanno menato E da me che vuoi? Sei so… Io te posso cantà na canzone

Sei sotto un cielo… sbagliato

Amò, so Giulia, m’hanno menato E da me che vuoi?

Amò, so Giulia, m’hanno menato E da me che cazzo vuoi? Che me devo fa menà pure io?

Io te posso cantà solo na canzone

Sei sotto un cielo… sbagliato

*Ma tu che ne sai dei sogni?"

Passarono pochi minuti, quando ad un tratto un signore su una bicicletta al grido di “Maometoooooooo, in bocca al papa e tutti i soi filistei Lidor cancaro!” prese in pieno una pozzanghera finendo per bagnare completamente il povero Wiliam. Una coppia di anziani vide la scena e si avvicinò

“Ragazzo tutto bene? E’ bagnato fradicio!”

“Certamente, per lo meno son riuscito a rinfrescarmi dopo 3 mesi che non mi lavavo. Però stò morendo di fame, oggi è pure il giorno del mio compleanno.”

“Che coincidenza. Stavamo per andare a cena da un nostro amico, nostro figlio sai non è potuto venire, ti andrebbe di accompagnarci?”

Non se lo fece ripete due volte, prese la signora sotto braccio e si incamminò assieme a loro.

Wiliam non poteva credere ai suoi occhi, si era appena ritrovato ad una cena di gala nella famosissima villa Fusdùr. Attorno a lui solamente gente altolocata, che lo guardava con occhi di pietà.

Una tavola imbandita piena di pietanze raffinate e nuove per il nostro giovane, che era abituato a mangiare due pezzi di pane seguiti da una pera di crack. La serata proseguì, fino a quando fece irruzione un gruppo di malviventi, che al grido di No Aeglis iniziò a prende a calci e pugni tutti gli invitati. Wiliam aprofittò del trambusto per rubare il portafoglio della vecchia signora e di altri invitati.

Ormai era notte inoltrata, e Wiliam sapeva esattamente dove doveva andare. Con un andatura molto spedita e con un sorriso stampato sulla faccia lo vide. Maestoso, imponente e sbriluccicoso si ergeva davanti a lui l’undicesima meraviglia del mondo: Il bordello delle Pixie di Neapovil. Spese fino l’ultimo centesimo nel bordello, ma ne era valsa la pena. Erano ormai le cinque del mattino, Wiliam soddisfatto e pensando a quale tipo di nuova malattia potesse aver aggiunto alla sua lista, decise di ammirare il sorgere del sole dal tetto.

Guardando verso il basso tra se e se pensò:

“Cavolo quanto è alto da quassù! Chissà quali sono le possibilità di riuscire a sopravvivere se in questo momento mi buttassi di sotto senza elytra.”
Vabbè dai, oggi è una nuova giornata e va bene così.

7 Likes

Oggi solo gdr di qualità

2 Likes

Vinciamo in pvp, le ere, nella sezione toxic e pure nei gdr. Potete anche non aprire il server che sappiamo come andrà a finire

2 Likes

Gdr bellissimo, sarebbe bello poterlo leggere ma non so farlo.

8 Likes

Anche io non so ne leggere ne scrivere, mi son scolato 7 peroni calde ed è successo il miracolo

5 Likes

Questo argomento è stato automaticamente chiuso 30 giorni dopo l’ultima risposta. Non sono permesse altre risposte.