[GDR] Terza volta tra le nevi

Quante volte avete letto di Modernisti che fondano colonie sulla gelida neve?
Bene, questa è la terza volta.

Li avevamo lasciati su Eseldur i nostri antieroi, Veterobannatoriani e disertori dell’Armata Rossa.
C’era il Cardinale Von Zoot, un vecchio conservatore e fedele agli insegnamenti più religiosi del Culto di Thor Bannatore.
C’era Carmelo Fios, selvaggio e muscoloso capo dei disertori. Un uomo non saggio ma decisamente ambizioso.
C’era Thomas Pablo Brodèsko y De la Callazula, obesa eminenza grigia. Aveva visto giusto, i Veterobannatoriani avevano bisogno di essere protetti e, dall’altra parte, i disertori necessitavano di buoni produttori di beni e servizi.
C’erano molti altri tra cui l’immancabile Casiodoro e l’ingenuo Inigo Frenkovìc.
Insomma, in un modo o nell’altro erano tutti presenti in quelle sommità battute dal freddo glaciale della tormenta.

Era l’80 e.c. ed erano sbucati proprio quell’anno dal portale.
Si erano subito messi in marcia e, raggiunta la loro meta, fecero ciò che tutti hanno sempre fatto dall’alba della Prima Era.
Scavarono, costruirono, bestemmiarono, pregarono, si riprodussero, ecc.
Insomma le solite cose che a descrivere ancora mi viene il latte alle ginocchia.

Se volete sapere di più restate sintonizzati su questo GDR condiviso tra noi Modernisti, ne vedrete delle belle!

7 Likes

Era passato qualche mese e i lavori proseguivano discretamente bene.

In principio fu completata l’entrata in dura pietra e acciaio, l’immancabile pala e piccone incrociati a fare da patroni della nuova colonia.
Quindi fu il tempo degli scavi nel ventre della montagna e dei primi consigli autonomi dei minatori.

In tale occasione fu riconfermata la figura di Carmelo Fios a Segretario Generale della neonata Repubblica mentre il decrepito Von Zoot fu eletto Presidente per acclamazione.
Fu anche il tempo dell’immancabile promulgazione dello Statuto e mentre i Thoriani brindavano alla nascita del novello Partito Modernista, tra i piccoli circoli veterobannatoriani e miliari si mormorava diffusamente.

Cosa avranno in mente questi figuri?
Chissà!

6 Likes

immagine

Nemmeno il tempo di insediarsi alla guida del Partito che Zikrael Von Zoot X fu trovato morto nel suo letto.
Sembrava dormisse data la posizione rilassata delle membra e l’espressione serafica sul volto.
Questo decesso diede non pochi grattacapi all’Assemblea, tuttavia si decise di eleggere Nastorio Pulcianov.

Chi era costui? Troppo presto per parlarne ora.

Stava ormai per finire l’anno 80 e.c. quando fu pubblicato il manifesto del primo esecutivo Fios.
Altri grandi nomi si aggiungevano alla secolare storia modernista ma tratteremo le loro peripezie in un secondo momento.

2 Likes