La verità della guerra

E' primavera. Il profumo di fiori si diffonde nell'aria, mentre un cinguettio dà musica al fantastico paesaggio. Distese e distese di fiori, prati sconfinati e alberi in foglie. D'improvviso un urlo squarcia il silenzio, un urlo completamente disumano. Incuriosito mi avvicino, e si prospetta ai miei occhi uno scenario inimmaginabile: due serpenti s'aggrovigliano in un'eterna spira, si baciano, ma uno sfugge e va troppo oltre, un corpo morto cade, morto dalla nascita, destinato a morire. Scie e scie di questi interminabili serpenti, uno per uomo, uno per morto. Se uno ti tocca ti avvelena, se ti tocca ancora ti uccide. Sul prato torsoli dorati, come ad un pic-nic, dato da un re. Forse offrendogli le mele dorate, questo re voleva strappare un accordo vantaggioso all'invitato, l'invitato degl'invitati, il sovrano più potente e invocato, con un grande impero, quello delLa Morte. Il banchetto è finito, le mele sono finite. Dunque l'accordo si fa o no? Ma certo, con tutti questi sacrifici! E dunque il re ha ottenuto ciò che voleva, ma la Morte è astuta, e sa che il fine è il mezzo, la pace si ottiene solo attraverso la morte, riunendo tutti sotto un solo impero, ma se qualcuno si vorrà staccare, se qualcuno si vorrà annettere, la morte sarà sempre lì a strappare un accordo fruttuoso, mandando come scusa la pace, come obiettivo il potere.

Bello! la metti pure in wiki vero?

A me sa tanto di minacciaXD

Bello! la metti pure in wiki vero?

:fiore: