Lòs Sìrus a Asterem

Le giornate passano col solito andamento in città, i minatori di ritorno dalle distanti minate nel Forgondur, i boscaioli che potavano il gigantesco albero al centro del territorio della città, hanno la fortuna di riporre il loro lavorato in Gualtiera, la fidata magazziniera, che si occupa di smistare ogni singolo oggetto portatogli nella giusta locazione; i fidati ingegneri, modernisti sotto false vesti, si divertivano con i più disparati macchinari per velocizzare la produzione di lavorazione dei minerali e facilitare le procedure di spostamento tramite strutture in grado di spostare persone nei vari piani sotterranei della città. Proprio alla base si trovano le serre cittadine gestite da un fattore nominato “Lòs Sìrus”, apparso sul piano come gli altri e unitosi ad Asterem sin dai primi giorni di fondazione di quest’ultima.
Sul piano subito sopra vi si trovano le cucine gestite della rinomata cuoca, conosciuta in ogni dove su Alinox, Margot

Per quanto la coltivazioni fossero di modesta entità (cofcof 25 chunck per 3 piani), i prodotti derivatone non mancavano praticamente mai, anzi, la produzione sembrava essere sempre maggiore giorno dopo giorno.

2 Likes

La lettera ricevuta da Margot non la lasciò indifferente. Doveva pensare a come poter avere provviste raddoppiate, nel meno tempo possibile. Si recò dunque nel capanno degli attrezzi, dove era sicura di poter trovare Los Sirus intento a mescolare i semi con qualche intruglio vario, di sua invenzione. “Eccoti, finalmente, è tempo che ti sto cercando! Questi campi sono immensi, non è facile trovarti quando ti si vuol parlare” la cuoca piombò nella capanno senza annunciarsi e questo provocò un grande spavento “Oh! Per dindirindina! Siete matta voi? Io sono qui che sto centellinando i semi, uno a uno, unendoli a questi intrugli magici che provocano una crescita esponenzialmente più veloce e florida e…voi! rischiavate di farmi buttare all’aria giorni e giorni di mescolamenti vari” il fattore, intanto, non aveva smesso un attimo di lavorare. “Margot, qual è il motivo che ti porta qui? Non dovrai mica prendere altro grano per le tue amiche? Guarda che lo so che sei tu che ne fai sparire ogni volta qualche ciuffetto in più! Tra un po’ dovremo inserirle nel censimento della città, come bocche da sfamare!” i due si fecero una gran risata, quando la cuoca finalmente riuscì a comunicare il perchè avesse così tanta fretta di parlargli “Sono qui per chiederti una cosa, ti ho portato la lista degli alimenti che andranno raddoppiati con i dovuti calcoli di quanto andranno intensificate le colture. Ovvio, non sono una gran matematica e nemmeno molto brava con questa storia delle stagioni ma mi affido a te! Questo è quanto avremo bisogno di avere, entro e non oltre la data che ti ho lasciato scritta, so che farai del tuo meglio Los, come al solito.” il fattore prese i fogli in tutta fretta e si congedò “Va bene Margot, ti farò sapere. Ovviamente avrò bisogno di altri braccianti, forti e virogosi, per poter continuare a fornire il nuovo quantitativo alle locande della città”

3 Likes

Margot lascia la stanza con la lista appoggiata sul banco di lavoro. Il foglietto profumava di dolce, non c’era da aspettarsi di meno da Margot, sempre in cucina a preparare prelibatezze; sollevato, il semplice “foglietto”, si presenta essere una lista che tocca terra da quante richieste di prodotti ci sono.
La situazione necessità di un lavoro di squadra da parte di tutti, un ampliamento su altri piani di coltivazioni ma soprattutto alberi da frutto e manodopera ulteriore per il piazzamento di terra e vetro per la serra.
A opere finite la produzione richiesta da Margot non era sufficiente a soddisfare neanche la metà della lista, nonostante le braccia nei campi del @Langaiden e altri cittadini arruolatisi a fattori provvisori

2 Likes