Ma questa ripresa... Arriva o no?

Questo post è molto semplice, il titolo dice tutto, questa ripresa economica italiana di cui si parla, arriverà sì o no?

Ora Letta e altri dicono che arriverà per fine 2014, ma prima si diceva che sarebbe arrivata el 2013, e via così...

Secondo me la ripresa arriverà, ma la domanda è: quando? :???:

Parliamone!

Quando qualcuno sarà così disperato da cacciare la classe politica a calci nel *Kata ti vede* ;-)

La ripresa non esiste!

si dice che aumenterà il pil di mezzo punto o poco più, ma la disoccupazione è prevista in aumento.

Inviato dal mio Transformer TF101 utilizzando Tapatalk

Sono quasi certo che arriverà entro i 100 anni che ci aspettano.

Quale, non lo so.

Ma mai disperare!

ASD

Intendi la ripresa di un film?? Ci vorranno dieci anni e oltre per tornare ai livelli pre crisi...

Letta dice che arriverà nel 2014 ma intanto nell'ultimo mese hanno chiuso per fallimento 10.000 imprese.

Imho, raccontano solo balle.

Una ripresa c'è quando esiste un qualcosa che spinge in tale direzione.

Al momento non ci sono incentivi, i cassa integrati aumentano, non si fa cultura ne ricerca, non si fanno riforme.

Secondo me stanno solo aspettando che la cosa passi da sola sperando di conservare lo stipendio.

Tanto per farvi un esempio documentato, Io volevo aprire una mia attività, con un mio amico.

Una cosa semplicissima, a livello agricolo.

Avevamo il terreno, le competenze e contatti per poter produrre tutta la documentazione burocratica a costi quasi nulli.

Forma societaria Srls, 1€ di capitale sociale invece di 10.000€ perché under 35.

Ci siamo fatti 2 conti e solo di tasse il primo anno avremmo dovuto sborsare circa 8000€.

Cioè solo per esistere agli occhi dello stato e dell'INPS, anche non facendo nulla per un anno intero.

Senza contare attrezzature e tutto quello che é limitato alla produzione/gestione dell'eventuale impresa.

Inviato dal mio LG-P710 utilizzando Tapatalk

In realtà la ripresa in questo sistema economico è quasi impossibile meie tu dici che raccontano solo balle, be vuoi sapere qual'è la più grande menzogna di questo secolo? Che ci hanno inculcato attraverso gli strumenti di comunicazione, che il debito dello stato è un fattore negativo, e che bisogna rientrarci per poter permettere la crescita, be nulla di più falso, e ora vi spiego usando uno schema economico semplificato, esistono due entità nel sistema economico, il privato e il pubblico, partiamo dal privato, nel privato non si genera ricchezza se sono disponibili 100 quei 100 si passeranno da una persona all'altra senza generare nuova ricchezza, quindi come fa l'ente privato a crescere? A bisogno dello stato, lo stato a differenza del privato può stampare moneta quindi può aumentare la ricchezza, cosa deve fare con questa moneta stampata? Be mi pare ovvio deve darla al privato attraverso incentivi e la costruzione di nuove opere pubbliche,(ci sono molti altri metodi io ne ho citati due) ma quindi la moneta che lo stato da hai privati genera il debito pubblico, che pero non è altro che una scrittura contabile infatti lo stato ha generato quei soldi dal nulla, OK dopo aver detto questa frase tutti mi assaliranno dicendo che se lo stato fa cosi si genera inflazione, be ma anche questo non è del tutto vero, infatti il valore della moneta dipende dal lavoro, quindi se uno stato USA i soldi per aumentare del 10% la produzione del paese potrà aumentare di conseguenza del 10% la liquidità del paese e questo meccanismo non crea inflazione, infatti come diceva keyns uno stato deve raggiungere la piena accupazione piuttosto metti una persona a scavare un buco e poi faglelo richiudere e poi paga lo, questo genererà crescita, poi a questo punto uno si chiede a cosa servono le tasse o i vari strumenti finanziari dello stato, be quello da spiegare è molto complesso posso solo dirvi che le teorie kenesiane derivano dalle teorie marginaliste (completamente opposte a quelle dei classici) dove pensavano che lo stato deve intervenire nel privato generando equità fra le persone e dando i servizi essenziali e le cose citate prima servono proprio per raggiungere quei obbiettivi in modo molto macchinoso, OK ora dopo avervi spiegato alla buona vorrei consigliarvi un libro da una 50 di pagine che spiega in modo più approfondito quello che ho detto ma non so se sul forum posso postarlo XD

Intanto per chi non conosce keyns consiglio di farsi una lettura di ciò che ha fatto visto che lui ha assistito alla crisi del 29 che è il simbolo del fallimento delle teorie classiche che tra l'altro noi stiamo usando ancora dei loro derivati nella nostra economia moderna, come dicevo era presente alla crisi del 29 e sono state le sue teorie economiche a risollevare l'America e poi l'Europa

l'obbiettivo dell'eurozona è la riduzione del debito (fiscal compact), e non la piena occupazione; e finchè gli organi di stampa continueranno con la solita solfa del debito pubblico, senza rendersi conto che un paese muore quando le imprese chiudono e quindi quando il debito privato è alle stelle, continueremo a parlare delle pensioni d'oro, dei burocrati, e dei tagli alla cricca.

No in realtà Gibbs l'euro zona è nata con lo scopo di distruggere l'Europa so che sembro pazzo ma se vi informate scoprirete che i trattati che stiamo usando sono nati alla fine della seconda guerra mondiale da persone che volevano riportare l'Europa al vecchio sistema di classi sociali e ci stanno riuscendo infatti i ricchi sono sempre più ricchi e potenti e il ceto medio sta scomparendo piano piano

Leggete i il libro in alto il deficit e vi spiega bene quello che ho detto nel primo post