Mortali Immortali - Capitolo I

Indice

  • Capitolo II (Prossimamente)
  • Capitolo III (Prossimamente)
  • Capitolo IV
  • Capitolo V (Prossimamente)
  • Capitolo VI (Prossimamente)

Premessa:
Il GDR di fondazione della Quinta BoPville sarà costruito, ON-GAME, come un Mito di Fondazione, mentre OFF-GAME sarà un solo capitolo del suddetto. Il Capitolo I è l’unico realmente attendibile, la radice nella realtà che approfitta della scomparsa degli Àlikos Resolàn in Sesta Era per svariare la Storia pratica ed effettiva. Possibile, inoltre, che l’opera sarà a più mani, con la partecipazione di vari altri giocatori inclusi nel progetto. Ovviamente non faccio GDR da tanto tempo, quindi i primi scritti saranno piuttosto asciutti e poco coinvolgenti, chiedo venia.

Sfacelo. Pretenziosi filari di fiamme, detriti. Sgolate distanti. Ciclone caotico.
Finestre spalancate sull’infinito, nel viso oblungo e macero della donna che non era vecchia ma non pareva essere stata mai giovine splendevano, di purissimo sfarzo, gli occhi azzurri. Le antiche sante, le antiche martiri vissute e morte nella gioia e nello spasimo della loro fede, certamente avevano avuti quegli occhi. Essi non vedevano l’umanità, ma quel che avrebbe dovuto essere l’umanità. Erano sereni e terribili, millenari ed innocenti. Rifrangono una sola cosa, le iridi di ambra e catrame della sorellastra del penultimo Presidente della BoP Modernista: la foggia ionizzata della voltiana, fluida, carica dell’Antico Portale. Un caso di purezza morale istintiva, di amor materno maraviglioso, in natura così rudimentale, sul pargolo in fasce, in lacrime, fra lo sferzare dimensionale delle urla, dei balli, della calca, per fuggire.

“Il mio tempo è finito…”

Gracchiava la donna sbrecciata dalle rughe e dallo scompenso espressivo, crucciata d’una coscienza torbida e monumentale. Una carezza fuggevole alle goti tornite del giovanissimo neonato, turbolento come il mondo che andava crepandosi sotto i loro piedi.

“Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza… Fallo per me, per tuo Nonno, per tuo Padre. Fallo per loro che hanno fallito oggi… “

Una supplica verace, spessa come la corteccia di una sequoia millenaria. Tremava la donna.

“Ti prego”

Ma non fa in tempo a finire. Rodùma, Luogotenente della Polizia Segreta della Repubblica, lo recupera dalle braccia deboli e cadenti dell’anziana, quasi divelta sulle scalinate di una qualche bottega.

“Dobbiamo andare, non c’è più tempo”

Serrato in un completo non eccessivamente corazzato, il guardiano non indossava infatti alcuna cotta di maglia sotto le placche d’acciaio, solo un farsetto d’arme in cuoio imbottito, beige scuro, ben aderente, imbottito in panno di panama ruvido e traspirante per garantire approccio. Pettorale, insieme a panziera e spallacci, erano senza dubbio i pezzi più originali, con il bassorilievo in polvere d’oro del Sole BoPiano.

“Io non ce la faccio”

Spartito di contrasto, il volto dell’uomo, di mezz’età eppure sbarazzino, trasandato, incolto, azzardò una replica che venne tarpata sul nascere dall’inflessibile tenore di quel groviglio di ruggine e diafano che era la voce della donna.

“Andatevene, non dovete dare conto alla “BoPville Spartachista e della Gioia” di niente, non lo vedi che il mondo sta finendo? Andate via!”

Mandibola che steccò, rumorosa, sul volto appena scheggiato del Guardiano, il giovane Sedon, crogiolo truce di fame e piagnisteo, incontenibile. La figura militante annuì:

“Che Thor ti porti conforto, Compagna”

La donna, levatrice, forse madre, di quel figlio illegittimo, non l’unico del cinico Seldonovìc, rantolò uno sbuffo sconnesso, col cranio scricchiolante a favorire negazione, e il paio di mani smunte, bianche come la neve e butterate dal rovinoso invecchiare del derma, a mimare un gesto d’allontanamento, siderale, come l’aria che andava implodendo negli immediati dintorni.

Il Portale li accolse. Freddamente.

Vivagni brevi all’arazzo del mito, intessuto con arte meravigliosa, eccolo, il prologo epico, nella esposizione elementare, della quinta Rifondazione.

10 Mi Piace
gdr off

madò cici torna a giocare e a scrivere hype
ps. bello scritto!

1 Mi Piace