Ricetta lumvalossiana: succo di patata

Spoiler
<div class="ipsSpoiler_contents">
	<p>
		Cercando fra i file nella cartella del GdR ho ritrovato questa breve ricetta scritta nella Quinta Era ma mai pubblicata.
	</p>
</div>

Antica ricetta lumvalossiana per una bevanda dal sapore intenso. Servita nelle locande del Dominio di Uhle, era sicuramente la protagonista nelle serate e nei banchetti, servita sia a fine pasto o, con variazioni più delicate, per accompagnare carne e pesce.

Succo di patate:

  • Pulire le patate e levarne la buccia. Lasciare le patate in un barile di quercia scura (serve a conferire un sapore pungente alla bevanda) con acqua e foglie di erbe aromatiche per dieci giorni, mantenendo una temperatura costante di 70°-80° C.
  • Levare le patate dal barile e conservare il liquido, verrà utilizzato in seguito.
  • Schiacciare le patate sino a ottenere una crema densa e senza grumi. Aggiungere un pizzico di polvere di verruche del nether.
  • Unire la pasta di patate al succo precedentemente preparato. Lasciare la soluzione in una bottiglia per 48 ore, permettendo così al materiale solido di depositarsi sul fondo del recipiente.
  • Prima di servire agitare il contenitore e aggiungere foglie di quercia macinate con polvere di verruca del nether.
  • Aggiungere decorazioni a scelta.

Che spreco di patate! A Thorvil con la stessa materia prima facevamo bevande nettamente migliori. :P

Ricetta Thorvilliana: Bambino alla Skebru

  • Prendere un bambino, possibilmente di età inferiore ad anni 10.
  • Metterlo a mollo in una vasca di skebru per circa dieci minuti (quando inizia a ridere e singhiozzare vuol dire che è pronto)
  • Cuocere a fiamma media su una padella antiaderente per 15 minuti o in forno a 220 gradi per 10'.
  • A piacere, è possibile ammorbidirlo con del latte. Questa procedura è consigliata per i bambini sopra il 5° anno di età in quanto le difficoltà della vita hanno già iniziato ad indurirne la carne.
  • Disporre su un letto di patate e fogli della Fenomenologia del Potere.
  • Salare e pepare a piacere.