Scheda Cittadina - Elakrov


Nome città: Elakrov
Posizione: -36785 -3168
Governo: Oligarchia
Sindaco (solo in game): Fren62, GDR: Ferlen Aegeiros
Stile: Medievale
Membri fondatori:

  • Fren62 - GDR: Ferlen Aegeiros
  • AnotherF - GDR: Anodèr
  • Granoduro - GDR: Grano
  • zSolitary - GDR: Grégon Adrerikàth
  • killerbooot
  • TheFra891
  • FenomNight
  • Silver1889
  • Franxex890
  • MrCracken
  • xHidanx
  • Beliver104

Motto cittadino: Da decidere

GDR ON:

LE ORIGINI DI ELAKROV

<<tutto ciò non ha senso…>> disse Ferlen fra se e se. Stava guardando un uomo indifeso venire maltrattato e malmenato come se fosse un reietto mentre tornava al portale nel Forgondur per ritornare a Spes. I malviventi che stavano regalando violenza gratuita, armati fino al collo, continuarono fino a che il pover’uomo non riuscì più a stare in piedi o anche solo muovere le braccia e usarle come scudo contro le armi usategli contro. Era una scena cruda… e anche molto triste. Ferlen non poteva fare nulla, non poté muovere un dito per aiutare il malcapitato la cui unica colpa era quella di essere andato a sfruttare le proprie braccia e aver speso una giornata di lavoro per scavare e potersi comprare qualcosa per riuscire a cenare quella sera. Eventi come questo capitano quotidianamente a Spes. Non sono rari casi di truffe e giocate meschine come quella a cui il nostro protagonista aveva appena assistito.

Ferlen si nascose dietro alle arcate del portale e aspettò finché i malviventi non deciso di smettere il loro operato e tornare a Spes. Accertatosi di non essere visto da altri mercenari, se così si possono definire, si avvicinò al poveretto ancora steso a terra. Aveva la faccia coperta di sangue e si vedeva chiaramente che se fossero rimasti altri 5 minuti lì non ce l’avrebbe fatta.

<<Amico, tutto bene?>>, era una domanda stupida ma era necessaria per vedere se il malcapitato era ancora in grado di rispondere.

<<Ma che cazzo di domanda è?>> rispose, <<Non hai visto quegli stronzi come mi hanno ridotto?>>

<<Se sei riuscito a rispondermi vuol dire che non stai così male come pensavo, riesci a camminare?>> disse Ferlen.

<<Secondo te?>> Rispose l’uomo.

Ferlen dopo aver guardato le gambe dell’uomo capì che quella sera avrebbe fatto una buona azione: <<Ho capito dai, ti porto a far vedere. Mi lascerebbe l’amaro in bocca non aiutarti>>

Ferlen si incamminò con Wayngar sulle spalle e andò a casa del suo amico Grano, esperto nella medicazione.

<<Occupati di lui>> disse Ferlen a Grano mentre che entrava nella sua abitazione lontana dal centro di Spes.

<<Chi è questo tizio? Non ho abbastanza erbe per occuparmi di lui>> disse Grano alterato.

Ferlen prese metà degli zenar che aveva con sé e li mise su di un tavolino al centro della stanza: <<Usa questi>>

Grano: <<Per questa volta ti va fatta bene, ma che non ricapiti più!>>

Ferlen:<<Si si… Io vado, lo lascio nelle tue mani>> e nel mentre apre la porta e esce.

Ferlen si diresse verso la locanda del quartiere, doveva vedersi con l’amico Anodèr con il quale solitamente beve qualche bicchiere insieme mentre discute del più e del meno.

Anodèr era lì che lo aspettava al solito tavolo, con un boccale mezzo vuoto già in mano.

<<Ferlen! Amico mio! Com’è andata la giornata?>>

<<Per me bene ma ho assistito ad un’altra scena poco piacevole…>>
<<Ah! Mi sono veramente stancato di tuto ciò! Non si riesce più a fare niente in questa città che sei circondato da bruti! Dovremmo andarcene e non farci più sentire!>> urlò Anodèr.

<<Non lo so… Anche se ce ne andassimo cosa potremmo fare messi come siamo?>>

<<Saremmo quasi al verde per quanto riguarda gli zenar, ma la decisione e la perseveranza ci aiuterebbero a vivere a lungo e in pace lontano da qua! Sono convinto di non essere l’unico a pensarla così. Ho degli amici che stavano pensando di trasferirsi in altri villaggi e accampamenti sparsi per il continente e se gli chiedessi di creare un accampamento nostro accetterebbero senza pensarci due volte>> disse Anodèr.

<<Sicuro? E’ difficile la vita lontano dalla civiltà>> rispose Ferlen dubbiosamente.

<<Sicurissimo! Ci costruiremo noi la nostra civiltà! E sai cosa? Sono anche convinto del fatto che molti altri sarebbero disposti a seguirti con le giuste parole >>

<<In effetti, molti di quelli che hanno avuto un brutto momento e sono ora da Grano non ne possono più della malavita…. Non è una cattiva idea la tua in fin dei conti>>

I due si godettero insieme la serata accompagnati dall’alcool.

I giorni passarono e nella testa di Ferlen l’idea di Anodèr si faceva sempre più fattibile, intrigante e convincente fino a che un giorno non decise di riunire Anodèr e altri suoi amici a casa di Grano.

Erano tutti confusi, si chiedevano a vicenda se sapevano cosa volesse dirgli Ferlen quando tutto d’un tratto spalancò la porta dicendo: <<Basta!>>

<<Eh?>> esultò Grano.

<<Non possiamo più vivere in una situazione del genere, senza il rispetto. Ho preso una decisione: voglio lasciare Spes e andare in qualche isola sperduta a vivere in tranquillità. Voglio vivere in un posto dove tutti possono vivere la loro vita sentendosi protetti e al sicuro e soprattutto dove la società non perdona chi non rispetta la pace altrui! Da solo però non posso fare molto, chi di voi è disposto a seguirmi in questo lungo e arduo viaggio?>>

Ci fu qualche secondo di silenzio dopo il discorso, le persone riunite da Ferlen avevano delle espressioni sorprese quando ad un certo punto il silenzio venne fermato dalle grida di gioia di tutti i presenti che accettarono così di intraprendere una nuova e complessa avventura insieme a Ferlen.

GDR OFF: Il nostro obiettivo è quello di creare una città il cui punto forte sia la difesa e che giri attorno alla legge e più in generale sul concetto di giustizia. Il governo è stato definito oligarchico perché è il termine che più si avvicina all’idea che abbiamo: un consiglio di membri di pari potere esecutivo ognuno competente in un ambito, il cui peso del voto nel consiglio stesso aumenta se si sta decidendo qualcosa nell’ambito in cui il membro è competente (es. in scelte che impattano l’economia il membro dedito all’economia avrà un voto dal peso triplicato)

3 Mi Piace

Come avete intenzione di portare avanti l’agenda GDRistica della città e della fondazione? Chiediamo magari un accenno del progetto, anche in via GDR OFF, un po’ più preciso. Grazie!

Nelle ore successive verra’ pubblicato il GDR di fondazione (e’ gia’ parzialmente scritto ma necessita di una revisione); per quanto riguarda gli eventi GDR siamo interessati a pubblicarne per i fatti cittadini piu’ rilevanti.

GDR di fondazione e leggero approfondimento sulla città aggiunti